MERCOLEDÌ 08 APRILE 2020
Il fatto

Cambio al vertice del comune di Castellammare, va via la segreteria generale Monica Cinque

La nuova nomina nelle prossime settimane, il sindaco Cimmino: "La ringrazio per l'importante contributo dato"

di Redazione
Cambio al vertice del comune di Castellammare, va via la segreteria generale Monica Cinque

Cambio al vertice del comune di Castellammare. Ultimo giorno di lavoro per Monica Cinque, per circa due anni segretario generale a Palazzo Farnese. Fino alla nuova nomina toccherà al comandante Antonio Vecchione svolgere il delicato incarico di controllo e verifica degli atti amministrativi. Ma la poltrona non resterà vuota a lungo. Nelle prossime settimane verrà individuato il nuovo segretario, mentre Monica Cinque presterà servizio presso la Provincia di Avellino.
“Desidero ringraziare la dottoressa Cinque – ha detto il sindaco Gaetano Cimmino – per l’ottimo lavoro svolto sin dal mio insediamento in Municipio. Ho avuto modo di apprezzare la preparazione ed il modo di operare del segretario, che ha svolto un grande lavoro di squadra in un macchina comunale sotto organico, sempre in sinergia con i dirigenti. Sia dal punto di vista umano sia professionale l’intesa venutasi a creare ci ha permesso di portare avanti provvedimenti importanti. Ringrazio ancora Monica Cinque per il compito svolto con dedizione e le auguro il meglio in vista del nuovo importante incarico”.
“Si conclude oggi la mia esperienza a Castellammare, – ha detto Cinque – meravigliosa città che mi ha accolta e conquistata due anni e mezzo fa, consentendomi di vivere un’esperienza professionale molto qualificata ed importante per il mio curriculum ed un percorso di vita particolarmente significativo in sintonia con dipendenti e dirigenti comunali. Ringrazio a mia volta il sindaco Gaetano Cimmino per aver valorizzato e profondamente compreso il mio ruolo all’interno dell’Ente. Auguro al primo cittadino e alla sua amministrazione di continuare a lavorare per il bene della città di Castellammare”. -

29-08-2018 17:34:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA