MARTEDÌ 26 OTTOBRE 2021




Il fatto

Campania, abbattimenti delle case abusive Fi: 'Stop alle demolizioni'

La protesta dei comitati, ieri, a Montecitorio

di Redazione
Campania, abbattimenti delle case abusive Fi: 'Stop alle demolizioni'

Stop alle demolizioni delle case abusive dopo l'epidemia. I deputati Carlo Sarro, Renata Polverini e Maria Spena, in rappresentanza del gruppo parlamentare di Forza Italia-Berlusconi Presidente, hanno incontrato a Montecitorio, una delegazione di proprietari di case oggetto di ordinanze di demolizione per via della loro edificazione in violazione alle norme edilizie. Insieme con i colleghi di altre forze politiche, in primis Lega e M5S, - fa sapere un comunicato - Sarro, Polverini e Spena hanno ascoltato le ragioni dei proprietari che rivendicano il diritto a non vedere abbattute le proprie abitazioni, ed illustrato la posizione di Forza Italia che, da sempre, è a favore del condono che solo in Regione Campania non è stati mai attuato, ed è pronta a sostenere una serie di provvedimenti che tutelino il diritto alla prima casa per gli occupanti di manufatti ritenuti abusivi dalle autorità preposte, ed evitino demolizioni in un periodo di grande disagio e difficoltà come quello attuale dove all'emergenza sanitaria si aggiungerebbe anche l'emergenza abitativa per quanti hanno costruito o acquistato immobili in buona fede o, comunque, senza aver mai commesso direttamente violazioni alla normativa in materia edilizia.

Anche in diversi comuni di Terra di Lavoro, tra l'altro, sono molteplici i casi di abbattimenti, soprattutto a Casal di Principe, cui si potrebbe dar corso già nei prossimi giorni se non interverrà in tempo un provvedimento legislativo, così come richiesto dallo stesso sindaco di Casal di Principe Renato Natale. "Bisogna subito bloccare gli abbattimenti - dice Sarro - è impensabile, difatti, in questo momento storico di grave emergenza sanitaria ed economica, ipotizzare solo lontanamente di poter procedere con la demolizione di immobili occupati da famiglie con donne, bambini ed anziani, che già sono alle prese con evidenti disagi economici e di vita. A questo, poi, si sommano le ataviche e profonde criticità che vivono i comuni chiamati a dare esecuzioni a tali provvedimenti amministrativi o giudiziari, richiedendo questi ultimi un dispendio di fondi e un utilizzo di risorse umane tali da apparire insostenibili.

Va tutelato, invece, il diritto alla prima casa e la pari dignità dei cittadini campani e casertani a fruire degli effetti di un condono che, per la bieca e miope politica urbanistica della sinistra, non è mai stato applicato nella nostra regione, con gli effetti che oggi sono sotto gli occhi di tutti e di cui un numero crescente di amministratori e forze sociali e politiche vanno prendendo coscienza, sposando la battaglia in favore della casa e contro gli abbattimenti da sempre condotta da Forza Italia", conclude Sarro. 

26-05-2021 12:32:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA