LUNEDÌ 29 NOVEMBRE 2021




Il fatto

Campania, De Luca avverte: 'Se non ci sono fiammate il 18 riapriamo tutto'

Il governatore: 'Evitiamo di fare comunella e crocchie'

di Redazione
Campania, De Luca avverte: 'Se non ci sono fiammate il 18 riapriamo tutto'

È tranquillo per l'oggi e promette di riaprire tutto tra quindici giorni. Così de Luca rinnova quello che, a questo punto dell'epidemia, assume i toni di un appello: "Evitiamo di fare comunella e crocchie. Mettiamo sempre le mascherine e laviamoci le mani in maniera ossessiva. Dobbiamo rispettare queste tre misure di sicurezza". Così, su Facebook, il governatore della Campania. Il numero dei contagi, sottolinea, è per ora sotto controllo. C'è un problema nell'Avellinese, ad Ariano Irpino. E quindi De Luca arriva al punto: "Se non ci sono 'fiammate' entro il 18 maggio riapriremo tutto. E' evidente che se torneranno i contagi, il ministero della Salute dovrà prendere delle decisioni e noi con il ministero della Salute". Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, su Facebook.
"Nessuno pensa di riaprire con zero contagi - ha spiegato - dobbiamo convivere per un periodo abbastanza lungo con il contagio. Ho detto e lo ripeto, un conto è avere qui e lì in maniera sparsa qualche caso, vuol dire che abbiamo sotto controllo la situazione, altro è avere dei focolai che si sono accesi"."Ieri su 21 contagi, 12 erano ad Ariano - ha spiegato - stiamo facendo migliaia di tamponi, dobbiamo capire se sono residui dei vecchi contagi o sono casi nuovi. Vedremo in queste ore di analizzare ad uno uno i 12 casi positivi di Ariano, ci auguriamo di non dover prendere decisioni restrittive". Poi aggiunge: "Evitate di andare negli ospedali del Nord perché abbiamo la migliore assistenza e gli ospedali più sicuri d'Italia ". "Nel corso degli anni i sistemi ospedalieri del nord hanno campato con i soldi che prendevano dalla nostra regione, la cosiddetta mobilità passiva - spiega - invito convintamente i nostri concittadini a rimanere in Campania. Intanto perché oggi sono gli ospedali più sicuri di Italia e poi perché, sinceramente, abbiamo la migliore assistenza d'Italia e in qualche caso del mondo".

08-05-2020 17:54:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA