MARTEDÌ 24 MAGGIO 2022




L'iniziativa

Capitale della cultura per tre giorni, Massa Lubrense ospita il primo festival della classicità

Da giovedì a sabato tanti gli ospiti di Booksophia: filosofi, scrittori, magistrati e anche un testimone di mafia

di Redazione
Capitale della cultura per tre giorni, Massa Lubrense ospita il primo festival della classicità

Per tre giorni Massa Lubrense  capitale della cultura. Da giovedì a sabato diventerà la piazza di Booksophia, primo festival della classicità coniugata in tutte le sue accezioni: filosofia, storia, arte, legge, giustizia e memoria storica e collettiva.
L'iniziativa, voluta dall'Archeoclub di Massa e sostenuta dal Miur e dall'Amministrazione comunale, è rivolta soprattutto ai giovani studenti nella convinzione, rileva una nota, ''che nuove opportunità di lavoro, e quindi di futuro, possano venire scommettendo sulla cultura''. E Massa, si rileva, ''è la sede ideale per questo progetto: il convegno, infatti, si svolgerà in gran parte a Termini, la frazione che è la porta di Punta Campanella sintesi ideale della classicità naturale''.
Sul palco, che sarà itinerante, si alterneranno trentasei ospiti tra i quali Valerio Massimo Manfredi, Sebastiano Maffettone, che aprirà il dibattito, il presidente nazionale di Archeoclub Zucchinelli, Massimiliano Marotta, monaci tibetani, magistrati, scrittori, un testimone di mafia sotto copertura, docenti universitari e dell'Istituto Filosofico di Napoli e la Soprintendenza archeologica. 


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

09-10-2017 17:42:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA