LUNEDÌ 14 GIUGNO 2021




Il fatto

Castellammare, allarme per una nave cinese. Il comandante Savarese: "Qui per caricare un'altra imbarcazione"

Molte le segnalazioni alla Capitaneria di porto sulla presenza della motonave

di Redazione
Castellammare, allarme per una nave cinese. Il comandante Savarese:

Preoccupazione per una nave cinese ferma in questi giorni al largo del porto di Castellammare. In realtà l'imbarcazione è in attesa di una nave posacavi da trasportare nelle Filippine la motonave Hua Yang Long, ormeggiata a largo delle coste stabiesi da ieri. Dopo le segnalazioni di chi era preoccupato si trattasse di trivellazioni in corso arrivate al centralino del 1515, la Capitaneria di Porto di Castellammare di Stabia ha spiegato la presenza della nave che batte bandiera cinese. "In pratica - spiega il comandante Ivan Savarese - la nave sarà semiaffondata per caricare un'altra imbarcazione da trasportare altrove. È stato scelto quel punto nel Golfo di Napoli perché la profondità delle acque e la lontananza dalla costa permettono questo tipo di operazioni in perfetta sicurezza". Il semiaffondamento avverrà tra il 2 e il 4 novembre. Una complessa operazione, che vedrà protagonista la motonave Hua Yang Long, costruita nel 2015 nel cantiere di Guangzhou Shipyard e di proprietà della Guangzhou Salvage Bureau. La Hua Yang Long può raggiungere una profondità massima di immersione pari a 14 metri e si appresta a caricare un’altra nave. Il semi affondamento, definito in gergo tecnico “float on/float off”, viene realizzato con particolari casse di zavorra, che una volta riempite consentono di posizionare il ponte di imbarco ad una profondità tale da consentire il carico, permettendo alla nave di conservare una riserva di spinta utile ad evitare l’affondamento o il capovolgimento. Essendo il carico già galleggiante, in quanto rappresentato da un’altra nave, esso non necessita di essere affondato. Lunga 228 metri e larga 43 metri, la Hua Yang Long ha una stazza che supera le 45mila tonnellate e proviene dal porto turco di Icdas.

31-10-2019 11:18:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA