VENERDÌ 22 OTTOBRE 2021




La lettera

Castellammare, associazioni a Cimmino: 'Ci coinvolga nell'accoglienza degli afghani'

La richiesta di un tavolo per partecipare agli aiuti

di Redazione
Castellammare, associazioni a Cimmino: 'Ci coinvolga nell'accoglienza degli afghani'

I presidenti e rappresentanti delle associazioni de La Casa della Pace e della non Violenza, l’Associazione Amici della Filangieri, il CIF e l’Incrocio delle Idee si sono riuniti presso la sede di Via Gesù, 29 e hanno deciso di inviare una richiesta al sindaco Gaetano Cimmino, di seguito riportata, in relazione alle azioni di accoglienza e integrazione del popolo afgano. Si legge nella lettera indirizzata al primo cittadino: "Il dramma che sta vivendo in questi giorni la popolazione afghana è ben nota e sicuramente a nessuno lascia indifferenti. Una situazione senza precedenti e differente da quelle che abbiamo assistito e in parte vissuto negli ultimi anni. Un popolo in fuga, una crisi umanitaria e una emergenza che necessita di azioni urgenti, collettive e diffuse per aiutare milioni di persone a trovare una protezione lontana dal proprio paese dove i diritti civili sono stati annullati e dove i morti che si registrano sono ogni giorno in crescita. Il Governo nazionale e le Prefetture stanno predisponendo piani d’intervento a beneficio di quanti hanno raggiunto la nostra nazione e dunque programmi di accoglienza a favore di cittadini afghani, e soprattutto per donne e bambini. I sottoscrittori di detta missiva pensano che l’intera comunità, capace di importanti azioni di solidarietà, deve provare a dare, nei limiti delle possibilità, un suo contributo, focalizzando la situazione e la sua urgenza, tenendo da parte le legittime convinzioni sulle cause e le responsabilità di detta situazione che potrebbero condurre lontani dall’obiettivo di cercare di aiutare qualche vita umana. Avendo appreso dalla stampa della sua iniziativa con la Prefettura le chiediamo di attivare un tavolo di coordinamento per contribuire alla gestione di un possibile piano di accoglienza e integrazione di gente spaventata, terrorizzata e incerta del proprio futuro, per coinvolgere quante più competenze possibili, collaborazioni e disponibilità concrete dell’intera comunità e, non ultimo, per prevenire e dunque evitare tensioni sociali e favorire appunto l’integrazione. Nel contempo chiediamo di essere coinvolti all’interno di detto tavolo di coordinamento, giusto anche l’art. 55 e seguenti del Codice del Terzo Settore, non solo perché rappresentiamo un importante strumento di amplificazione ma anche perché pensiamo che la problematica non può e non deve restare all’interno del Palazzo ma che la disponibilità a sostenere specifici programmi di accoglienze e conseguente integrazione deve essere della comunità tutta. Una sfida che ci attende nell’immediato futuro, sicuramente non facile ma che insieme possiamo vincerla per alleviare tanto dolore e tanta sofferenza sia negli aspetti contingenti che quelli che in seguito si presenteranno. Auspicando un immediato riscontro, vista la gravità della situazione, cogliamo l’occasione per porgere cordiali saluti". A firmare la lettera: il Presidente La Casa della Pace e della non Violenza, il Presidente Associazione Amici della Filangieri, il Presidente CIF e il Presidente l’Incrocio delle Idee

05-09-2021 09:49:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA