SABATO 22 GENNAIO 2022




L'iniziativa

Castellammare, cinquanta disoccupati al Comune per lavori di pubblica utilità

Il piano, finanziato dalla Regione Campania, parte il 15 febbraio

di Redazione
Castellammare, cinquanta disoccupati al Comune per lavori di pubblica utilità

Cinquanta disoccupati per sei mesi si occuperanno della biblioteca, del giardinaggio e segnalare buche e situazioni di rischio sulle strade di Castellammare. Il piano, finanziato dalla Regione Campania, partirà tra quindici giorni. Ma i cinquanta ex cassintegrati selezionati hanno partecipato, questa mattina, ad un incontro al Palazzetto del Mare per mettere a punto la parte organizzativa. "Stamattina al Palazzetto del Mare sono stati convocati tutti i lavoratori in graduatoria per le attività di pubblica utilità  sul territorio di Castellammare per la presentazione di avvio del servizio" spiega Antonella Esposito, assessore alle Politiche sociali nella squadra del sindaco Cimmino. "A partire dal 15 febbraio, il Comune di Castellammare di Stabia - ha continuato l'assessore Esposito - potrà avvalersi di 50 persone, ex percettori di ammortizzatori sociali, sovvenzionati interamente dalla Regione Campania per svolgere attività di pubblica utilità, affiancando quotidianamente i dipendenti del comune". I selezionati per la misura di sostegno al reddito, che consiste in 580 euro per 6 mesi, effettueranno servizio di monitoraggio sulla prevenzione del fenomeno del randagismo, sull’esistenza di dissesti stradali e in qualsiasi situazione di insidie e trabocchetti, lavori di giardinaggio, servizio di apertura delle biblioteche pubbliche e attività lavorative aventi scopo di solidarietà sociale. Continua l'assessore: "Con questa iniziativa, intrapresa attraverso il settore politiche sociali del Comune, è possibile disporre di una misura di contrasto alla povertà per le famiglie in difficoltà economica e migliorare nel contempo la manutenzione dei beni della città, affiancando forze fresche al personale della pubblica amministrazione, in numero ridotto rispetto alle effettive esigenze di un territorio ancora alle prese con una profonda crisi lavoro". 

31-01-2019 19:51:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA