GIOVEDÌ 21 OTTOBRE 2021




Il fatto

Castellammare, commercianti vittime della criminalità: 'Più controlli in città'

L'Ascom attacca gli store dei cinesi e i giovani in strada: 'Troppi assembramenti davanti ai bar'

di Redazione
Castellammare, commercianti vittime della criminalità: 'Più controlli in città'

Una sequenza di furti. Vittime i commercianti che a Castellammare già pagano il prezzo della crisi innescata dal Covid. Sempre più frequenti i raid all'interno dei negozi in particolare di notte. Ma venerdì anche una rapina durante la giornata in un supermercato del Viale Europa. Una situazione che determina la rabbia delle vittime. Nella giornata di ieri intervenuta con una nota anche l'Ascom. 

Il presidente De Meo se la prende anche con gli store dei cinesi e con gli ambulanti: "La pandemia ha reso ancor più gravoso il problema dell’illegalità e della concorrenza sleale, creando serie difficoltà ai nostri imprenditori già costretti a dover fronteggiare una crisi economica di immane portata. La presenza di ambulanti non autorizzati, così come l’attività di alcuni esercenti, tra cui i maxi store stranieri, rimasti aperti senza rispettare le restrizioni imposte dal Governo, infliggono un danno ancor maggiore alla nostra categoria".

Poi passa all'emergenza criminalità: "Nelle ultime settimane abbiamo poi registrato un incremento dei fenomeni criminosi che stanno colpendo alcune attività commerciali e mettendo a rischio la sicurezza della comunità. Resta vivo poi il problema degli assembramenti che ancora si verificano, soprattutto nelle ore serali e notturne in varie zone della città. Ci segnalano infatti che dopo l’orario di chiusura dei pubblici esercizi, nutriti gruppi di giovani continuano ad affollare le aree antistanti i bar del Corso, della zona del Lungomare e di Piazza Unità d’Italia. Il protrarsi di tali comportamenti sconsiderati ci espone ad un aumento del numero dei contagi e rischia di vanificare gli sforzi fatti dalla comunità. La categoria dei commercianti, insieme a quella degli autonomi in genere, è quella che sta pagando per le conseguenze della pandemia un prezzo altissimo anche in termini economici. Le nostre preoccupazioni e la richiesta di avere maggiori controlli sul territorio, sono dettate dal desiderio di uscire al più presto dallo stato di emergenza e scongiurare l’adozione di misure ancor più restrittive per la nostra città. Alla luce di quanto detto, pensiamo che possa essere opportuno istituire un tavolo di confronto con tutte le Forze dell’Ordine presenti sul territorio al fine di studiare idonee misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni di illegalità denunciati. Confidiamo di ricevere riscontro alla presente e restiamo a disposizione per offrire la nostra massima collaborazione".

25-01-2021 10:00:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA