MERCOLEDÌ 05 OTTOBRE 2022




Il fatto

Castellammare, condannati i colonnelli della droga: 20 anni al figlio del boss Imparato

Al genero Catello Cesarano 13 anni di cella

di Redazione
Castellammare, condannati i colonnelli della droga: 20 anni al figlio del boss Imparato

Venti anni di carcere a Vincenzo Imparato. Figlio del boss Salvatore e destinato a diventarne l'erede nel quartiere bunker del Savorito. Arrivano le condanne per i gli organizzatori e i pusher in azione in una delle piazze di spaccio con più clienti della provincia di Napoli.

Sono 111 gli anni di cella a cui sono stati condannati i nove imputati per traffico di stupefacenti alla periferia di Castellammare. Gli imputati hanno scelto il rito abbreviato. Sono 13 invece gli anni a cui è stato condannato il genero del boss Catello Cesarano in primo grado, quattro mesi in più ha incassato Pasquale D'Antuono. Ieri la sentenza che conferma la tesi della Procura Antimafia di Napoli, pm Giuseppe Cimmarotta, sul ruolo della cosca degli Imparato alleato strategico al clan d'Alessandro nella gestione del business della droga. Condannati a 14 anni Catello e Vittorio d'Auria a cui viene attribuito il ruolo di colonnelli nell'organizzazione.

Nella lista figura anche un nome noto come Silvio Onorato che dovrà scontare 13 anni di cella, cinque in più di Giovanni Spagnuolo. Otto gli anni per Elio Iovino e tre per Francesco Massa. 


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

21-09-2022 20:19:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA