DOMENICA 24 OTTOBRE 2021




Il fatto

Castellammare, discoteca del clan D'Alessandro confiscata: il Plan B è dello Stato

Il locale tra i beni confiscati alla cosca di Scanzano

di Redazione
Castellammare, discoteca del clan D'Alessandro confiscata: il Plan B è dello Stato

Confiscata discoteca al clan D'Alessandro. Il Plan B, locale già sequestrato alla cosca di Scanzano, è stato acquisito ai beni dello Stato. Negli anni scorsi la discoteca, alla periferia di Castellammare, era meta di migliaia di giovani e ha ospitato vip come Elettra Lamborghini e personaggi discussi Fabrizio Corona.

Foto di uomini della cosca stabiese, accanto a importanti bottiglie di champagne, volti noti del mondo dello spettacolo e soprattutto tantissimi ragazzi da Castellammare, ma anche dal resto della provincia. Un mix che ha acceso i riflettori degli investigatori e della Dda. Per gli inquirenti dietro al giro d'affari c'era un solo proprietario la cosca di Scanzano. Un'accusa che è costata un provvedimento d'arresto al colonello dei D'Alessandro, Nino Spagnuolo, e ora il locale è destinato a diventare il più importante tra i beni confiscati gestito dal comune. 

Avvenuta la confisca l'amministrazione Cimmino è in attesa che l'ex discoteca venga trasferita al Comune. ''Quel luogo, come accertato dagli investigatori e dalla magistratura era il fulcro del riciclo dei soldi derivati dai traffici di droga e armi e dalle estorsioni, che venivano impiegati nell'organizzazione di eventi, di concerti neomelodici e di serate in discoteca''. ''Anche quell'area diventerà un presidio di legalita', in cui esercitare i valori sani della giustizia e della democrazia contro il malaffare che per troppi anni ha regnato in quei luoghi e che oggi finalmente e' stato cacciato via'' commenta il sindaco Gaetano Cimmino.

14-10-2021 14:22:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA