MARTEDÌ 24 NOVEMBRE 2020




Il fatto

Castellammare, i furbetti dei buoni spesa Cimmino: 'Sciacalli'

Tredici gli stabiesi nell'inchiesta della Finanza

di Redazione
Castellammare, i furbetti dei buoni spesa Cimmino: 'Sciacalli'

Tredici stabiesi tra i furbetti dei buoni spesa. Finti poveri che hanno portato a casa gli aiuti contro la crisi innescata dal Covid. Un'inchiesta della Guardia di Finanza ha accertato che ci sono 700 "furbetti" da Portici a Castellammare. Scrive il sindaco Cimmino: "Sciacalli e parassiti, trovo riduttivo chiamare “furbetti” i quasi 700 soggetti che in tutta la provincia di Napoli hanno dichiarato il falso intascando i bonus spesa destinati alle famiglie in difficoltà a causa dell’emergenza Covid. Complimenti alla guardia di finanza per l’operazione attenta e brillante messa in campo ieri. Stando a quanto risulta sui media, a Castellammare sono in 13 ad aver beneficiato illegittimamente del bonus. E proprio alla finanza avevo provveduto ad inviare gli elenchi e le procedure già in tempi non sospetti, per assicurarmi che eventuali furbetti e sciacalli fossero rapidamente scoperti. Le somme, che si aggiungeranno ai nuovi bonus in arrivo, ritorneranno alle casse dei Comuni e potranno essere destinate ad altre famiglie certamente più bisognose. Nessuno sarà lasciato solo: istituzioni e forze dell’ordine assieme per il bene di tutti".

21-11-2020 13:38:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA