LUNEDÌ 20 GENNAIO 2020
L'iniziativa

Castellammare, il mercato dal centro al quartiere Ponte Persica

Il capogruppo di maggioranza D'Apice: "Un project financing per finanziare l'intervento"

di redazione
Castellammare, il mercato dal centro al quartiere Ponte Persica

A Castellammare il mercato della frutta si trasferisce in periferia. Dal gruppo dei fedelissimi del sindaco Cimmino arriva la proposta per finanziare l'intervento nel quartiere di Ponte Persica con un project financing. “Il progetto per il nuovo mercato ortofrutticolo sarà incluso nel Dos e rappresenta un’assoluta priorità dell’amministrazione comunale. Il mercato nel quartiere Ponte Persica era parte integrante della variante di adeguamento del Piano Regolatore Generale (Prg) al Piano Urbanistico Territoriale (Put). Ma intanto, a causa della negligenza delle passate amministrazioni, è scaduto il vincolo preordinato all’esproprio nell’area che era stata destinata alla realizzazione del mercato”. Così Emanuele D’Apice, capogruppo consiliare del gruppo Cimmino Sindaco. “Non basta inserire il progetto nel Dos per realizzare il nuovo mercato, dato che è necessario rinnovare il vincolo con conseguente esborso economico da parte del Comune. – prosegue D’Apice – Una spesa che poteva essere risparmiata se le precedenti amministrazioni non avessero lasciato scadere i termini per il vincolo. Chissà perché negli ultimi anni è venuta a mancare una discussione seria sul tema urbanistico, generando un vuoto normativo le cui conseguenze tuttora si riflettono negativamente sui cittadini. Ora però è arrivato il momento di riprendere il cammino e di ripartire. Il mercato ortofrutticolo può costituire un fattore importante per la valorizzazione del quartiere Ponte Persica. Proporrò di far ricorso al project financing  per incentivare gli operatori a presentare progetti per la dislocazione del mercato ortofrutticolo dal centro cittadino verso la periferia nord, destinando ad uso pubblico l’area che attualmente ospita il mercato. Il nostro obiettivo consiste nel tutelare i mercatali e le loro famiglie, affidando loro un’area da 22mila metri quadrati per svolgere la loro attività e riavviando le procedure necessarie per garantire una prospettiva agli operatori e un servizio importante ai cittadini”.

04-03-2019 12:15:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO