SABATO 22 GENNAIO 2022




Il caso

Castellammare in emergenza, Patriarca difende Cimmino: 'Uno dei pochi sindaci attivi'

Il capogruppo di FI: 'Attacco strumentale da parte dei responsabili del disastro'

di Redazione
Castellammare in emergenza, Patriarca difende Cimmino: 'Uno dei pochi sindaci attivi'

Castellammare vive in una situazione di emergenza tra contagi ad un passo da quota 900 e ospedale al collasso. Intanto il centro e la villa oggi sono stati presi d'assalto, folla e traffico per tutta la giornata. Mentre la situazione precipita si accende lo scontro politico. L'opposizione accusa il sindaco Cimmino di non avere preso provvedimenti per fermare i contagi e a difenderlo è il capogruppo regionale di FI Annarita Patriarca. «È davvero strumentale e poco utile ai cittadini l'attacco scomposto che le forze di opposizione in consiglio comunale, a Castellammare di Stabia, hanno rivolto al sindaco Gaetano Cimmino. Uno dei pochissimi, in tutta la Campania, a essere presente e attivo nella difficilissima azione di contrasto a una crisi sanitaria di portata mondiale». Lo ha detto Annarita Patriarca, capogruppo regionale di Forza Italia. «Attacco strumentale perché proveniente da partiti espressione dei governi nazionale e regionale – ha continuato la Patriarca – ai quali, in ultima istanza, è demandata in maniera esclusiva la gestione della pandemia sia dal punto di vista dell'organizzazione sanitaria sia dal punto di vista della programmazione degli interventi di natura economica». «Anziché criticare chi sta sul campo, senza risparmiarsi, e alimentare una polemica territoriale, invito le forze consiliari di opposizione a unirsi a Gaetano Cimmino, sindaco di tutti gli stabiesi, nel chiedere ai governi regionale e nazionale soluzioni efficaci ed efficienti. Non è questo il momento delle contrapposizioni sterili che fanno solo il male dei cittadini».

07-11-2020 20:52:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA