DOMENICA 27 NOVEMBRE 2022




Il fatto

Castellammare, mercato vietato per il lutto del boss il Pd: 'Fatto gravissimo'

I dem in una nota: 'Venga fatta chiarezza'

di Redazione
Castellammare, mercato vietato per il lutto del boss il Pd: 'Fatto gravissimo'

"Chiediamo chiarezza su quanto accaduto al rione Savorito". Con una nota il Pd chiede un intervento dopo l'apertura di un'inchiesta della Dda per lo stop al mercato del Savorito imposto per la morte del cognato del boss Salvatore Imparato. 
 
"Siamo sconcertati di fronte alla notizia apparsa sugli organi di stampa del mercato settimanale vietato al Rione Savorito dopo la morte del cognato del boss del quartiere. È giusto che le forze dell’ordine e la procura facciano il loro lavoro vorremmo però capire come è possibile che si sia vietato nel “silenzio” il regolare svolgimento del mercato rionale. 
Episodi come questi, soprattutto in quella fetta di città, sono l’ennesima prova dell’assenza dello Stato. Non basta sciogliere un comune per infiltrazioni camorristiche se poi tutto viene lasciato così come è" continuano i Dem nella loro nota. 


"È a Savorito, è a Moscarella, è a Ponte Persica, è a Scanzano, è a Fontana Grande, è nel centro antico che lo Stato, le istituzioni e tutte le forze sociali non devono mai far mancare la propria presenza. Il divieto dello svolgimento di un mercato in segno di lutto è un fatto gravissimo che non può essere derubricato ad un semplice episodio di cronaca. Sulla camorra non si scherza. 
La lotta alla criminalità organizzata è  e sarà sempre un tema identitario delle forze del campo progressista e riformista. Come partito cittadino abbiamo sollecitato l’intervento del nostro gruppo parlamentare affinché si faccia chiarezza sull’intera vicenda.


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

12-11-2022 16:57:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA