GIOVEDÌ 29 LUGLIO 2021




Il personaggio

Castellammare, Quagliarella torna in nazionale da capocannoniere

Lunedì e martedì stage a Coverciano in vista delle qualificazioni europee

di Redazione
Castellammare, Quagliarella torna in nazionale da capocannoniere

Per Fabio Quagliarella si riaprono le porte di Coverciano. E' Roberto Mancini ad avere voluto il ritorno del calciatore di Castellammare. L'allenatore è pronto ad accoglierlo in azzurro per lo stage della Nazionale di lunedì e martedì prossimi. Si tratta di un appuntamento che avvicina alle sfide di qualificazione europea del mese prossimo, un modo per riprendere il discorso interrotto a fine novembre con l'amichevole contro gli Usa.
Quagliarella, 36 anni e 16 gol che lo incoronano capocannoniere della serie A, non assaporava l'aria inebriante della Nazionale dall'ottobre 2015, con Antonio Conte ct: da allora, più nulla. Ma ora che la nazionale giovane di Mancini e' in crisi in attacco, la (ri)chiamata se l'è conquistata a suon di gol, dal momento che è l'attuale bomber del campionato davanti a Cristiano Ronaldo e Piatek. "Mancini non ha bisogno di dargli il contentino e lui di prenderselo", le parole del 'suo' allenatore nella Samp, Marco Giampaolo. E, in effetti, anche se Quagliarella ieri ha compiuto 36 anni, nessuno mette in discussione la sua classe che mi mischia con una verve realizzativa come nemmeno CR7.
Mancini, oltre al 'Matusa del gol', ha richiamato la meglio gioventù della Serie A (ma anche della B, con Tonali del Brescia): da Zaniolo a Kean, da Lorenzo Pellegrini e Stefano Sensi, a Chiesa (e ci mancherebbe, visti i suoi ultimi exploit).
Perin, alle spalle di Donnarumma, fa spazio a Meret e perde il posto in azzurro (del resto è riserva nella Juve), ma la novità assoluta è rappresentata dall'esordio del difensore del Parma, Alessandro Bastoni, classe '99, 12 presenze nell'attuale campionato. Mancini ha dimostrato di essere lungimirante con Zaniolo e con Bastoni spera di ripetersi.
Gli azzurri si ritroveranno a Coverciano lunedì entro le 12 e vi rimarranno fino alla mattina del giorno dopo. Non prenderanno parte al raduno i giocatori che militano nelle squadre estere, oltre a quelli impegnati nei posticipi Frosinone-Lazio e Cagliari-Atalanta: unica eccezione il centrocampista cagliaritano Nicolò Barella, che deve scontare un turno di squalifica.

01-02-2019 17:55:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA