SABATO 22 GENNAIO 2022




Il fatto

Castellammare, sulla chiusura del Palazzetto dei giovani Corrado ai consiglieri: "No a questa scelta"

L'ex assessore a sostegno della richiesta del Presidente del Forum Fontanella

di Redazione
Castellammare, sulla chiusura del Palazzetto dei giovani Corrado ai consiglieri:

L'Amministrazione Cimmino decide di chiudere il Palazzetto del Mare e trasferire lo sportello Informagiovani in biblioteca. Sulla decisione presa per carenza di personale nel comune di Castellammare interviene l'ex assessore Nicola Corrado, dopo che a sollevare il caso è stato nei giorni scorsi il presidente del Forum dei giovani Catello Fontanella. Corrado si rivolge ai consiglieri comunali: "Nel 2005, quando venni chiamato a svolgere la funzione di assessore ai giovani, decisi di rinunciare all’ufficio a Palazzo Farnese per impiantare la mia struttura amministrativa al Palazzetto del Mare, presso gli uffici dell’Informagiovani.

Ricordo con piacere estremo quegli anni di lavoro, fianco a fianco con migliaia di studenti, con le associazioni, con il mondo della scuola e del volontariato: l’Informagiovani divenne centro di aggregazione e di produzione di tantissime iniziative: la carta Giovani per avere sconti e agevolazioni nei negozi, nei cinema, nei locali, il primo punto di connessione wi-fi gratuito, la mediateca Mediterraneum con migliaia di libri e dvd messi a disposizione delle ragazze e dei ragazzi della città, e ancora il progetto “one book one community” che ci permise di distribuire il libro di Saviano Gomorra in tutte le scuole superiori della città, il progetto Pierre De Coubertin che coinvolse 5000 bambini in un programma di attività sportive, il primo sportello per i cittadini migranti, l’istituzione del Forum dei Giovani, i primi progetti di servizio civile nazionale ed internazionale, la sede della prima ciclo officina.

Grazie al lavoro di tante e di tanti il Palazzetto del mare divenne il Palazzetto dei giovani.

Oggi ho letto della decisione dell’Amministrazione Comunale di chiudere quello spazio, questa decisione è sbagliata e rappresenta un grave errore.

Penso che al primo punto dell’agenda politica ed amministrativa in termini di priorità assoluta debbano trovare posto i giovani della nostra città con l’urgenza di ricostruire luoghi di aggregazione e di socializzazione qualificati e qualificanti, percorsi di crescita, di affermazione di convivenza, di sapere, insomma percorsi per affermare una nuova idea di cittadinanza che veda nelle ragazze e nei ragazzi i protagonisti della costruzione della nuova Stabia.

Non conosco chi oggi è l’assessore con la delega alle politiche giovanili, quindi mi rivolgo direttamente a tutti i consiglieri comunali di Palazzo Farnese per ripensare questa scelta che in sé ha anche un valore simbolico e rappresenta un evidente arretramento sul terreno della cura delle nuove generazioni.

Lancio un’idea: perché non costruiamo proprio lì, in quella bellissima struttura affacciata sul Golfo di Napoli, la sede organizzata, vera del Forum dei Giovani e del Forum delle Associazioni? Perché non costruiamo un’ATS (associazione temporanea di scopo) tra le associazioni cittadine per creare un Centro Polivalente per i Giovani, dove fare musica, vedere film, fare laboratori di pittura, di fotografia, corsi di teatro, corsi di inglese, corsi di impresa?

Sarebbe bello ma soprattutto sarebbe giusto pensare un po' di più, concretamente, ai giovani cittadini di Castellammare".

23-09-2019 19:53:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA