SABATO 22 GENNAIO 2022




Il caso

Castellammare, Terme di Stabia: a rischio i gioielli di Stabia

Quattro milioni e mezzo di euro il risarcimento riconosciuto agli ex termali

di Redazione
Castellammare, Terme di Stabia: a rischio i gioielli di Stabia

Sono 4,5 i milioni di euro. Questa la cifra che 35 ex lavoratori potrebbero pretendere. A rischio le Terme di Stabia che finirebbero all'asta con il fallimento della Sint, la società detentrice del patrimonio. Lo scenario imminente è emerso da una relazione che il liquidatore Vincenzo Sica ha tenuto, nella giornata di ieri, ai capigruppo consiliari di Palazzo Farnese. L'argomento sul tavolo riguarda una sentenza di Corte d'appello che da' ragione agli ex termali. Una vicenda giudiziaria lunga sei anni ingaggiata dagli ex termali per chiedere l'assunzione alla Sint, una volta fallita la società Terme di Stabia. L'appello ha ribaltato l'esito del primo grado che aveva dato ragione a Sint, secondo cui si tratta di due società diverse. A chiedere un consiglio comunale urgente è il capogruppo di Italia viva Andrea di Martino: "È terminata da poco una lunga conferenza dei capigruppo. Gli edifici delle nuove Terme rischiano la svendita. Il ricorso di 35 lavoratori ex termali, che chiedono il reintegro dopo il licenziamento per fallimento, è una spada di Damocle sul processo di liquidazione. Quello che si era voluto scongiurare sembra oramai una realtà inevitabile. Lo stabilimento delle nuove Terme, il parco, il centro congressi e l'albergo rischiano di essere messi all'asta. È necessaria una discussione pubblica alla luce del sole, in cui tutti i cittadini di Castellammare, che hanno a cuore le sorti delle Terme, possano dare il proprio contributo".

13-11-2020 09:39:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA