MERCOLEDÌ 20 NOVEMBRE 2019
Sequestro

Cava de' Tirreni: sequestrato il Chiostro di San Francesco, nuovi guai per Fra Gigino

non c'è pace per il frate cavese indagato questa volta per lavori abusivi

di redazione
Cava de' Tirreni: sequestrato il Chiostro di San Francesco, nuovi guai per Fra Gigino

Lavori abusivi nel chiostro del convento, con quest'accusa inizia per frate Gigino Petrone sono in arrivo nuovi problemi giudiziari, questa volta legati per lavori legati alle arcate del Chiostro all'interno del convento di San Francesco a Cava de' Tirreni.
La polizia municipale ha messo sotto sequestrato il cantiere ritenuto abusivo nell'antico chiostro di San Francesco mettendo fine ad una ristrutturazione non ancora autorizzata.
Il frate è accusato di aver iniziato i lavori senza la regolare autorizzazione della Sopraintendenza essendo il convento in una zona soggetta a vincoli; già in passato aveva subito uno stop, sempre per il Chiostro di San Francesco, e gli era stata notificata l'ordinanza di rimozione di una copertura abusiva con il conseguente ripristino dello stato dei luoghi.
Nonostante ciò fra Gigino Petrone ha avviato nuovi lavori senza attendere le autorizzazioni necessarie. L'azione della polizia municipale è avvenuta a seguito di una denuncia arrivata agli organi competenti.
Sempre in passato fra Gigino aveva avuto problemi giudiziari in seguito alla morte di un operaio in un cantiere di cui era considerato il committente.

23-02-2016 16:15:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO