DOMENICA 20 OTTOBRE 2019
Castellammare

Centro antico e Varano, in aula solo l'opposizione: "La maggioranza fugge, senza idee"

Salta il consiglio comunale chiesto dalle minoranze, in una nota Pannullo detta i suoi tempi

di redazione
Centro antico e Varano, in aula solo l'opposizione:

Si sono ritrovati soli come era stato annunciato. Arrivati a Palazzo Farnese i consiglieri di opposizione hanno trovato l’aula vuota. Il sindaco Pannullo e la sua maggioranza avevano avvisato che non si sarebbero presentati. E così è stato. Sale la tensione tra gli schieramenti per la decisione della coalizione di governo di non farsi dettare la scaletta delle priorità dalla minoranza. “Su centro antico e sul problema delle costruzioni abusive a Varano andremo in consiglio quando ci saranno provvedimenti” hanno fatto sapere. A questo punto saltato il consiglio comunale chiesto dalle opposizioni, i gruppi di Vozza, Cimmino e dei Cinquestelle hanno affidato la loro protesta ad una nota: “Stiamo profondendo ogni sforzo per il bene di Castellammare. Avremmo voluto impegnare l’intera assise nella creazione di un piano per il centro antico, nell’attivazione della filiera istituzionale, nella costituzione di un laboratorio aperto”. Una mano tesa che Pannullo avrebbe respinto.

“Nulla da proporre: sindaco e maggioranza disertano l’aula e sfuggono al confronto. Ciò che viene propinato alla città è un confusionario cumulo di idee basate sul nulla”. Non ci stanno i consiglieri di opposizione dei gruppi di “Prima Stabia” , 'Cinque Stelle 'e “Per Castellammare” ad accettare la proposta del sindaco che invia in un documento scritto i suoi programmi su Centro antico e sulle case abusive a Varano, segnando in calendario i tempi fissati dall’amministrazione. Un mese per discutere del rilancio del centro antico. Una scelta che l’opposizione boccia.

“La minoranza politica – hanno continuato i consiglieri – sta profondendo ogni sforzo nella convocazione dei consigli comunali, nel formulare proposte e nel lavorare seriamente per tutti i cittadini di Castellammare. La maggioranza, invece, ha ribassato il tutto a politica di bassa lega per evitare il confronto nel corso di un’assise voluta da noi. Ma come lo è stato per l’urbanistica, anche per il termalismo, il centro antico e Varano non ci sarebbero stati ‘meriti’ da portare a casa, solo volontà di far ripartire Castellammare. Avremmo voluto impegnare l’intera assise nella creazione di un piano per il centro antico, nell’attivazione della filiera istituzionale, nella costituzione di un laboratorio aperto. Invece oggi il sindaco ci ha consegnato il disegno di una città che definire immobile è riduttivo, con rinvii ad altri enti ed istituzioni, con progetti che vorremmo capire meglio senza averne la possibilità. Pannullo crede di poter liquidare opposizione e cittadini con un ‘compitino’: non è così, la verità è che Pannullo scappa. Abbiamo presentato interrogazioni, mozioni sullo stato di degrado dei quartieri e della città, sulle assunzioni clientelari, sul dissesto idrogeologico, sulle terme, sull'urbanistica, sui rifiuti. Il prossimo consiglio abbiamo chiesto che si svolga sui problemi che investono quartieri come ‘Savorito’ e ‘Moscarella’. Scapperanno anche da quella discussione? Leggeremo un altro comunicato? Abbiamo grande rispetto per le idee, le proposte, anche quelle contenute nel comunicato del sindaco e della maggioranza, quando non se ne fa un uso strumentale per nascondere il fatto che si ha timore del confronto in aula. Se davvero si aveva voglia di costruire un consiglio comunale per approfondire i diversi temi elencati, bastava semplicemente convocare una conferenza dei capigruppo per proporre una diversa data per lo svolgimento dell’assise. Se si aveva bisogno di più tempo bastava dirlo. Bene la firma del protocollo per il Palazzo Reale di Quisisana ma ciò non può essere utilizzato per nascondere la mancanza di proposte da portare in consiglio. Noi continueremo a insistere e a lavorare nell’interesse della città, anche in presenza di un sindaco e di una maggioranza, che pur di non dimostrare che stanno navigando a vista e senza un progetto, organizzano la fuga dal consiglio comunale”.

24-11-2016 19:34:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO