GIOVEDÌ 20 GENNAIO 2022




Il caso

Cinquestelle: fa discutere la sanzione di 50 mila euro del Garante della privacy sulla sucurezza della piattaforma Rousseau

Voto manipolabile questa la sentenza, la replica: rilievi già recepiti

di Redazione
Cinquestelle: fa discutere la sanzione di 50 mila euro del Garante della privacy sulla sucurezza della piattaforma Rousseau

Nuova tempesta sul M5S e sulla piattaforma Rousseau.
Il Garante della Privacy Antonello Soro commina una multa da 50mila euro alla Associazione Rousseau di Davide Casaleggio, rilevando "importanti vulnerabilità" nella piattaforma di e-voting usata dal M5S, in buona sostanza secondo Soro i risultati delle votozioni su Rousseau sono aperti as eccessi eelaborazioni di vario tipo non garantendo la privacy così come previato dalle norme.
Un duro colpo per la credibilità dei pentastellati che hanno fatto del voto on line da sempre una bandiera per le decisioni condivise con la base degli iscrittti.
L'Associazione Rousseau dovrà adempiere in tempi tra 10 e 120 giorni alle richieste del Garante per garantire adeguate misure di trasparenze e sicurezza; "rilievi già recepiti" commenta Enrica Sabatini, braccio destro di Casaleggio e socia di Rousseau.
Intanto il PD presenta un'interrogazione al governo affinchè dia "garanzie" sulle decisioni prese con la piattaforma, mentre è emerso che, nel giorno delle Europarlamentarie M5s, Casaleggio è andato in Procura e ha sporto denuncia contro alcuni profili clone tra gli iscritti a Rousseau.
Una querelle che sembra essere solo alle battute iniziali.

05-04-2019 10:12:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA