MARTEDÌ 26 OTTOBRE 2021




Il fatto

Circum nel caos, stazioni chiuse: pendolari e studenti a piedi

Ritardi e corse che saltano anche sulla linea Napoli-Sorrento

di Redazione
Circum nel caos, stazioni chiuse: pendolari e studenti a piedi

Circum nel caos. Seconda giornata nera per pendolari e studenti. Stazioni sbarrate con avvisi all'utenza, moltissimi in attesa dei bus sostitutivi, treni in grande ritardo. Continua lo sciopero dei dipendenti. La situazione perggiore, oggi come ieri sulle tratte tra Napoli e Sarno (via Ottaviano), Torre Annunziata-Poggiomarino (via Scafati) e Napoli-San Giorgio a Cremano (via Centro Direzionale). Sulle prime due è stato istituito un servizio sostitutivo con autobus ma la massa delle persone interessate è notevole e i mezzi su gomma debbono fare i conti con il traffico. Un caos che, inevitabilmente, si ripercuote anche sulle altre linee. Su Facebook la protesta di chi ogni giorno frequenta la Circum, molte le denunce anche sulla linea Napoli-Sorrento. 
"Stamattina - spiega una studentessa - ho trovato un'amica che mi ha accompagnato in auto da Terzigno, dove la stazione era chiusa e c'era un avviso scritto a penna, a Pompei Villa dei Misteri. Il treno per Napoli sarebbe dovuto partire alle 7,47. È arrivato alle 8.12, con oltre 20 minuti di ritardo. Insomma, sono partita da casa alle 6,30 e sono arrivata a Napoli alle 9. Un inferno".
Al centro dello scontro tra i vertici dell'Eav e i dipendenti c'è l'utilizzo dello straordinario per fare fronte all'emergenza del personale. Abbandona la linea della fermezza De Gregorio: "Ancora oggi pesanti disagi alla circolazione sulle linee vesuviane. Propongo un atto di responsabilità da parte dei lavoratori e della direzione aziendale. Non penalizziamo ulteriormente gli utenti". Una schiarita secondo il presidente dell'azienda trasporti potrebbe arrivare domani: "Abbiamo riconvocato un tavolo per domani alle 14 con le organizzazioni sindacali per trovare una soluzione condivisa, che appare possibile. Ragionevolezza e responsabilità da parte di tutti nell'interesse degli utenti. L'azienda auspica la contestuale cessazione della protesta per consentire un sereno al confronto al tavolo".

21-03-2019 16:07:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA