LUNEDÌ 20 SETTEMBRE 2021




Elezioni

Città al voto, la parola passa ora ai cittadini

Si vota solo oggi dalle 7 alle 23, interessate Castellammare di Stabia, Gragnano, Agerola, Vico Equense e Piano di Sorrento.

di Redazione
Città al voto, la parola passa ora ai cittadini

Dopo una campagna elettorale che non ha infiammato gli animi, breve, anomala, spesso combattuta più sui social che non con la gente tra la gente a spiegare i tanti perchè rimasti senza risposta di una democrazia spesso sconfitta da interessi di parte, è arrivato l'election day che sul nostro territorio oltre a Napoli, Caserta, Benevento e Salerno vede interessate Castellammare di Stabia, Vico Equense, Piano di Sorrento, Agerola e Gragnano.

Si vota solo oggi dalle 7 alle 23, subito dopo partirà la maratona notturna dello spoglio elettorale che consegnarà all'alba i risultati definitivi.

I veleni della vigilia hanno lasciato come strascico quello di vedere i seggi di alcune zone calde blindati come non mai, così da provare a fermare un fenomeno che per tutti è l'inquinamento del voto da parte della malavita.
Una situazione che non basta a fermare polemiche, dichiarazioni e richieste d'intervento anche dopo dall'apertura dei seggi.

Ecco il quadro città per città del nostro territorio.

Agerola
Il comune con i suoi 6 mila e cinquecento votanti è fra quelli che da stasera avrà un nuovo Sindaco.
A governare la piccola Svizzara sarà uno fra Matteo Florio e Luca Mascolo, ognuno sostenuto da 1 lista.

Vico Equense
Votano oltre 17 mila cittadini che significa possibilità di ballottaggio se nessuno dei tre candidati alla fascia di Sindaco supererà il 50% dei voti utili.
In corsa Andrea Buonocore riammesso all'over time sostenuto solo da 1 lista, Maurizio Cinque con 4 liste collegate, Giuseppe Russo con 3 liste a suo sostegno.

Piano di Sorrento
Votano poco più di 10 mila aventi diritto, quindi anche la cittadina della penisola da stasera avrà un nuovo sindaco che prenderà il posto di Giovanni Ruggiero che lascia dopo due mandati consecutivi.
A correre per la poltrona di primo cittadino saranno: Vincenzo Iaccarino, Raffaele Esposito e Salvatore Mare tutti con una lista a sostegno.

Gragnano
Saranno quasi 24 mila i gragnanesi chiamati alle urne oggi dopo appena due anni dalle ultime comunali.
La campagna elettorale della Citta della Pasta è stata dura, aspra e ricca di colpi di scena in una sorta di tutti contro tutti, che ha come grande assente una parte della politica tradizionale, che ha preferito aderire in modo trasversale in liste civiche a sostegno dei 3 candidati.
In campo Paolo Cimmino sostenuto da 7 liste, Patrizio Mascolo sostenuto da 7 liste e Silvana Somma sostenuta da 6 liste.

Castellammare di Stabia
La città delle acque è chiamata al voto per la terza volta in 5 anni, visto che Luigi Bobbio (centrodestra) e Nicola Cuomo (centrosinistra) sono stati mandati a casa anzitempo dalla stessa maggioranza che li aveva eletti.
Quasi 55 mila votanti per 24 posti in consiglio comunale cui aspirano quasi 400 candidati distribuiti i 17 liste.
Cinque i candidati a Sindaco: Vincenzo Amato per il Movimento 5 Stelle sostenuto solo dalla sua lista, Gennaro Comentale per Rivoluzione Cristiana sostenuto solo dalla sua lista, Gaetano Cimmino a capo di una coalizione di centrodestra sostenuto da 7 liste, Antonio Pannullo leader della coalizione di centrosinistra con 5 liste a sostegno e Salvatore Vozza con 3 liste senza simboli di tipo trasversale.
A differenza delle altre città, la sensazione per Castellammare è che a decidere i giochi sarà il partito delle astensione e degli indecisi.


 

05-06-2016 11:04:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA