MERCOLEDÌ 26 FEBBRAIO 2020
Torre Annunziata

Cocaina nascosta tra tulipani e vestiti, scoperto traffico internazionale di droga: arrestati in quattro

Gli stupefacenti arrivavano da Spagna e Olanda, sequestrati 36 chili per 10 milioni di euro

di redazione
Cocaina nascosta tra tulipani e vestiti, scoperto traffico internazionale di droga: arrestati in quattro

Nascondevano cocaina tra i fiori. Tra cassette di tulipani e scatole di vestiti erano seppelliti chili di stupefacenti per entrare in Italia diretti a Torre Annunziata. Trasportavano così la droga da Spagna e Olanda, destinata a Campania e Puglia, in camion carichi di fiori e abbigliamento. A tradirli sono state le telefonate per organizzare le spedizioni, conversazioni al cellulare e chiacchierate a lungo ascoltate dagli inquirenti. Sgominata un'organizzazione dedita al traffico internazionale di stupefacenti con base operativa a Torre Annunziata: quattro persone arrestate. Un’operazione che conferma l’importanza di Torre come piazza del traffico di droga tra Europa e rotte sudamericane.
A eseguire l'operazione il Nucleo di Polizia Tributaria di Napoli, che ha notificato quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere ai presunti responsabili del traffico di droga.
I provvedimenti sono stati emessi dal gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea e scaturiscono dalle attività condotte dalle sezione Goa del Gico della Guardia di Finanza.
Secondo le risultanze delle indagini, effettuate principalmente attraverso intercettazioni telefoniche e ambientali, è stato appurato che il sodalizio criminale operava da anni ed era particolarmente attivo in Olanda e Spagna, dove importava ingenti partite di cocaina e altri stupefacenti, rivendute all'ingrosso anche in mercati diversi da quello campano, fra cui principalmente quello pugliese.
A reggere l'organizzazione Salvatore Pinto, 54 anni, che oltre a svolgere le attività operative e logistiche curava anche il recupero dei crediti vantati, avvalendosi della collaborazione di Michele Boccia, 60 anni e Giancarlo Cicalese 31 anni.
Pinto intratteneva in particolare i rapporti con i fornitori, recandosi anche all'estero per concludere le trattative e assicurarsi la corretta consegna della merce, coadiuvato nell'acquisto della droga da Salvatore Chierchia, 42 anni.
Nel corso delle indagini sottoposti a sequestro 36 chili di cocaina, con l'arresto in flagrante di tre corrieri. La droga, se messa in vendita al dettaglio, avrebbe fruttato oltre 10 milioni di euro. Una parte del tesoretto che l’organizzazione criminale aveva accumulato in questi anni. 

12-07-2016 15:59:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO