LUNEDÌ 24 GENNAIO 2022




Il fatto

Coronavirus, mascherine a 50 centesimi anche nelle tabaccherie

Per i bambini quelle con i cartoni animati e i supereroi

di Redazione
Coronavirus, mascherine a 50 centesimi anche nelle tabaccherie

Mascherine a 50 centesimi anche nelle tabaccherie, Sarà possibile reperirle, ha annunciato il commissario Domenico Arcuri, in 50 mila punti vendita al prezzo massimo di 50 centesimi.
Dopo le carenze registrate nelle scorse settimane, acquistare le mascherine dovrebbe dunque da lunedì in poi risultare più semplice per i cittadini. Dalla metà di maggio, infatti, i punti vendita diventeranno 100 mila (uno ogni 600 abitanti). Presto dovrebbe essere possibile acquistarle anche presso i 50mila tabaccai sul territorio. Pronti pure i primi prototipi delle mascherine per bambini, con impresse le immagini di cartoni animati o supereroi, che saranno a breve disponibili sul mercato. In campo scendono pure Fca e Luxottica, che hanno messo a disposizione il loro know-how per ospitare molte delle macchine per la produzione delle mascherine. A partire da metà giugno, inoltre, l'Italia produrrà mascherine in modo crescente da 4mln al giorno fino a 35mln a metà agosto, ha annunciato il ministro ai Rapporti con il Parlamento Federico D'Incà. Questi i tipi di mascherine disponibili e le loro caratteristiche: - QUATTRO TIPI: le mascherine chirurgiche proteggono se stessi e gli altri: bloccano infatti il propagarsi di goccioline emesse per via orale, in caso di un colpo di tosse o di uno starnuto, o semplicemente parlando. Quelle FFP1, FFP2 e FFP3 - destinate prevalentemente agli operatori sanitari - sono a maggiore protezione per la loro efficienza filtrante e possono essere dotate di valvola. Tutte devono essere certificate CE.
- COME METTERLE TOGLIERLE: vanno indossate coprendo sia naso che bocca, anche quelle chirurgiche. Prima di indossarle e dopo averle rimosse è bene essersi lavati le mani. Assicurarsi sempre del loro adattamento sul viso per garantire una tenuta ottimale, altrimenti l'efficacia si annulla. Quando si tolgono, è bene ricordare che sia la superficie esterna della mascherina indossata e le mani (o i guanti) possono essere contaminati dal virus. Bisogna quindi lavarsi le mani, poi togliere la mascherina indossata sul viso utilizzando gli elastici, cercando di evitare di toccarla nella sua parte interna. Di seguito, lavarsi di nuovo le mani.
- DA SOLE NON BASTANO: quelle chirurgiche non possono preservare al 100% dal contagio ed il loro utilizzo va sempre accompagnato all'adozione di comportamenti sociali (mantenere le distanze) e di igiene personale (lavarsi le mani, non toccarsi viso ed occhi) per ridurre il rischio.
- PARERI CONTRASTANTI SUL FAI DA TE: Uno strato di cotone a trama fitta e due di seta o chiffon sono i materiali ideali per le mascherine fatte in casa, in grado di filtrare fino al 99% delle goccioline in sospensione nell'aria. Lo suggeriscono i ricercatori dell'università di Chicago. Secondo alcune aziende di dispositivi medici, tuttavia, le mascherine in tessuto non danno garanzia di protezione nel momento in cui si viene a contatto con microparticelle virulente, anche per la grandezza della trama del tessuto che non sempre ha il potere filtrante richiesto. (ANSA).

02-05-2020 22:29:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA