MARTEDÌ 25 GENNAIO 2022




lo studio

Coronavirus: secondo l'Ema, i farmaci ipertensivi non sono un rischio

I nuovi dati sugli studi fatti dimostrano che non hanno impatto su forme gravi di Covid

di Gaetano Mataluni
Coronavirus: secondo l'Ema, i farmaci ipertensivi non sono un rischio

Gli ultimi dati incoraggiano a continuare l'uso di ACE-inibitori e sartani, farmaci contro l'ipertensione, durante la pandemia Covid-19.
A ribadirlo è l'Agenzia Europea dei Medicinali, con un comunicato stampa pubblicato anche sul portale dell'Agenzia Italiana del Farmaco.
Ad aprile era stata diffusa l'ipotesi che queste categorie di farmaci peggiorassero l'infezione di Sars-Cov-2; ipotesi poismentita dalla stessa Ema, che torna ora sul tema.
"Recenti studi osservazionali condotti sugli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE) e sugli antagonisti del recettore per l'angiotensina (ARB o sartani) hanno mostrato che tali medicinali non influiscono sul rischio di contrarre l'infezione da sindrome respiratoria acuta grave causata dal nuovo coronavirus e non mostrano di avere un impatto negativo sull'esito dei pazienti affetti da Covid-19".
L'ente regolatorio europeo, ribadisce pertanto il parere espresso in precedenza secondo cui "i pazienti devono continuare a utilizzare tali medicinali, come indicato dal medico". In caso di dubbi o preoccupazioni in merito al trattamento, il consiglio è quello di rivolgersi al medico o al farmacista"

10-06-2020 15:00:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA