DOMENICA 27 NOVEMBRE 2022




Il fatto

Cortodino Vesuvio film festival, il cinema per la pace tra Russia e Ucraina

La rassegna alla sua dodicesima edizione

di Redazione
Cortodino Vesuvio film festival, il cinema per la pace tra Russia e Ucraina

Cortodino Vesuvio Film Festival, il cinema come strumento di pace tra Russia e Ucraina

Al via la rassegna cinematografica giunta alla 12^ edizione: tra gli appuntamenti una serata con corti russi e ucraini, spazio alla vicenda Whirpool e alla difesa della comunità Lgbt


Una settimana di proiezioni, 94 film in concorso e poi dibattiti, tavole rotonde, mostre e cinetour. Al via la 12^ edizione di “CortoDino Vesuvio Film Festival”, la rassegna cinematografica dedicata alla memoria di Dino De Laurentiis. L’evento, promosso dall’Associazione di Promozione Sociale Esseoesse, parte ufficialmente mercoledì 23 novembre. Centinaia di proiezioni tra Boscotrecase e Torre Annunziata (sul sito cortodino.it il calendario completo) e diversi incontri su tematiche d’attualità nel dibattito nazionale: si va dalla guerra, all’emergenza lavoro ai diritti delle minoranze, come la comunità Lgbt.
Tra gli appuntamenti maggiormente attesi la serata “CortoDino for Peace”: un evento nell’evento durante il quale saranno proiettati due film, uno russo e uno ucraino. “Un momento particolarmente sentito e atteso – spiega Filippo Germano, direttore di Cortodino Vesuvio Film Festival - dove il cinema diventerà strumento di dialogo tra due nazioni in guerra alle porte dell’Europa. Con noi avremo rappresentanti di associazioni e della comunità russa e ucraina. Con loro cercheremo di capire di più i motivi di un conflitto atroce”.


Non solo la guerra, ma spazio anche a tematiche sociali, come il lavoro e la difesa dei diritti delle minoranze. Sabato 26 novembre la prima di “Via Argine 310”, il docufilm di Gianfranco Pannone sulla vertenza Whirpool: la pellicola racconta la vicenda degli ex lavoratori licenziati dallo stabilimento di Napoli. Attesissimo anche l’incontro “Mater Natura” previsto per giovedì 25 novembre, sui temi della minoranza Lgbt.
Un evento, Cortodino Vesuvio Film Festival, che si avvale del contributo della Regione Campania, grazie alla Legge Cinema, del comune di Boscotrecase e dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, oltre al patrocinio del comune di Torre Annunziata, della Film Commission e del Coordinamento Festival Cinematografici della Campania.
“CortoDino quest’anno fa il salto di qualità diventando un Festival a tutti gli effetti “vesuviano” – spiega Filippo Germano - Grazie al supporto del comune di Boscotrecase, che ha sin da subito sposato l’iniziativa e dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio gli appuntamenti saranno distribuiti tra le diverse città del territorio, partendo appunto da Boscotrecase, comune capofila e poi Boscoreale e Torre Annunziata”. “Occuparsi della crescita di una comunità significa non soltanto avere cura del bene comune e delle opere pubbliche, ma anche creare occasioni di crescita culturale – ha affermato Pietro Carotenuto, sindaco di Boscotrecase – CortoDino va in questa direzione: il cinema è arte, è bellezza, e un evento che riesce a coniugare l’arte e la promozione del territorio”.
“Il Vesuvio è stato protagonista di tantissime pellicole cinematografiche – le parole di Agostino Casillo, Commissario Ente Parco Nazionale del Vesuvio – per questo motivo un evento cinematografico che esalta il nostro gigante non poteva che trovare supporto da parte dell’Ente Parco”.


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

22-11-2022 14:27:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA