GIOVEDÌ 27 GENNAIO 2022




i dati

Covid-19 i dati: c'è la luce oltre tunnel. Calano rispetto a ieri morti e contagiati

Quasi 60 mila persone colpite. La prossima settimana sarà quella cruciale

di Antonio De Felice
Covid-19 i dati: c'è la luce oltre tunnel. Calano rispetto a ieri morti e contagiati

"I numeri di oggi sono minori rispetto a quelli di ieri, mi auguro che questi numeri possano essere confermati. Non bisogna abbassare la guardia, bisogna tenere le misure adottate e rispettare le indicazioni anche del provvedimento del governo".
Così il commissario per l'emergenza Angelo Borrelli ha aperto la quotidiana conferenza stampa alla Protezione civile sul contagio da coronavirus.

Oggi,  il numero complessivo dei morti è di 5.476, con un aumento rispetto a ieri di 651 unità; ieri l'aumento era stato di 793 morti. Sono 7.024 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus, 952 in più di ieri.  Ieri il dato giornaliero sui guariti era di 943.
Sono 3.009 i malati ricoverati in terapia intensiva, 142 in più rispetto a ieri.
Di questi, 1.142 sono in Lombardia. Dei 46.638 malati complessivi, 19.846 sono poi ricoverati con sintomi e 23.783 sono quelli in isolamento domiciliare.
Quanto ai malati, sono complessivamente 46.638, con un incremento rispetto a ieri di 3.957: ieri l'incremento era stato di 4.821.
Il numero complessivo dei contagiati - comprese le vittime e i guariti - ha raggiunto i 59.138.
Questi i dati forniti da Borrelli in conferenza stampa alla Protezione civile.
Borreli ra accompagnato da Franco Locatelli presidente del Consiglio Superiore di Sanità che ha detto: "Non vogliamo farci prendere da facili entusiasmi  né sopravvalutare una tendenza ma è un segnale che arriva a quella che comincia ad avvicinarsi come una distanza temporale rispetto alla quale ci aspettiamo di vedere segni tangibili di misure di contenimento intraprese.  E' fondamentale - prosegue Locatelli - quanto più possibile nei contesti familiari mantenere misure stringenti di contenimento dei soggetti risultati positivi al coronavirus. E' un altro sacrificio che si chiede al Paese ma è importante. Altrimenti rischiamo di perpetuare il meccanismo di diffusione del virus. E' un appello al senso responsabilità di tutti i familiari dei pazienti positivi. Le prima misure stringenti di contenimento sono state adottate l'11 marzo, quindi ci aspettavamo di vedere risultati a partire da 2-3 settimane. Quindi la prossima settimana sarà assolutamente cruciale e ci aspettiamo di vedere un segnale di inversione di tendenza".
Borrelli infine ha ricordato che "sono due mesi che siamo qui e lavoriamo dalle 14 alle 15 ore al giorno senza soste. Ringrazio gli uomini e le donne del Dipartimento e le loro famiglie. I colleghi positivi al Covid-19 continuano a lavorare dalla propria abitazione, non hanno particolari criticità.
La struttura continuerà a gestire l'emergenza, voglio rassicurare. E' il nostro lavoro, ne andiamo fieri".

22-03-2020 19:14:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA