MERCOLEDÌ 19 GENNAIO 2022




il fatto

Dipendenti Sint esclusi dal bando per la vendita dei beni

La decisione assunta della società partecipata dal comune attualmente in liquidazione

di Redazione
Dipendenti Sint esclusi dal bando per la vendita dei beni

Nella gara che scadrà domani alle 12, si mettono all’asta partendo da 831.7500,00 euro, il complesso sportivo di Viale delle Puglie con incluso il parcheggio a pagamento finora gestito direttamente da Sint.
In questi mesi I due dipendenti hanno manifestato più volte alla società sia per iscritto che verbalmente la loro intenzione ad acquisire l’area parcheggio, essendo l’unica e sola possibilità di non perdere il lavoro, ma la società ha stabilito un unico lotto sia per area sportiva che area parcheggio precludendo la partecipazione alla gara dei due dipendenti, ultima loro speranza. Alessandra D’Andrea e Massimiliano Donnarumma si erano appellati anche tramite legale ad un diritto di prelazione riconosciuto dall’art. 11 del Decreto legge 23 dicembre 2013 per le società cooperative di lavoratori nel caso di società in crisi al fine di difendere l’occupazione.
"Un diritto che non ci è stato riconosciuto - spiega Alessandra D’Andrea - nonostante più volte avessimo chiesto di poter partecipare al bando per salvaguardare il nostro posto di lavoro”.
La prelazione non è l’unico diritto cui si erano appellati i dipendenti che avrebbe voluto partecipare all’acquisto del parcheggio.
"Siamo stati messi nelle condizioni di non partecipare - spiega la segretaria Sint - il 29 luglio scorso l’assemblea avesse stabilito di pubblicare il bando dando la possibilità agli acquirenti di essere più di uno specificando anche l’area di cui erano interessati. Ciò dimostra che di fatto le aree sono divise, e la scelta di un unico lotto ha solo precluso la partecipazione ad alcuni soggetti e probabilmente ha causato anche un danno economico alla società in quanto per alcune aree sicuramente ci sarebbero state più offerte con possibilità per la società di maggiori ricavi”.
Sono molti gli interrogativi che dipendenti avanzano: “Come mai la società non ha proceduto alla vendita della sola area sportiva così come deliberato nell’assemblea del 18 marzo 2019 anche in considerazione che l’importo stimato per tale area è più che sufficiente per il pagamento del debito BNL e che l’attività del parcheggio di Viale delle Puglie sia l’unica e sola attività che svolge attualmente la SINT permettendo il pagamento dei costi correnti? Come mai la società non ha preferito la vendita tramite il Tribunale  essendo già stata avviata la procedura?”.
Sulle aree in vendita esiste un pignoramento del tribunale di circa 270 mila euro, dopo che la Sint non riuscì a pagare un  finanziamento con la BNL sottoscritto nel 2011.
In data 24 agosto 2018 il Tribunale di Torre Annunziata ha nominato un custode giudiziario e un tecnico estimatore per la valutazione dell’area sportiva e area parcheggio di Viale delle Puglie.

26-09-2019 16:39:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA