DOMENICA 15 DICEMBRE 2019
Il fatto

Dodicenne ripresa in un video con il fidanzatino, scatta l'inchiesta: tre indagati

Il ragazzo è accusato di abusi sessuali, gli altri due di diffusione di materiale pedopornografico

di redazione
Dodicenne ripresa in un video con il fidanzatino, scatta l'inchiesta: tre indagati
Quelle immagini sono arrivate ai suoi compagni di classe prima che lei arrivasse in aula. Un video in cui una ragazzina è ripresa mentre si scambia effusioni con il fidanzatino fa scattare un'inchiesta. Nuovo caso di bullismo social: una ragazzina di 12 anni è stata filmata a sua insaputa col il fidanzatino in un momento di intimità e "costretta poi a subire lo scherno del gruppo, a scuola e su whatsapp". Tre minorenni sono al centro di un'inchiesta a Napoli; ora il suo ex è ritenuto responsabile di abusi sessuali, gli altri due di diffusione telematica di immagini di minori a sfondo sessuale. I tre hanno tra i 14 e i 16 anni. É la vicenda raccontata oggi dal quotidiano 'Il Mattino'.
L'episodio è accaduto qualche mese fa in una scuola napoletana per la quale la Procura dei Minori ha proceduto a interrogare gli indagati, a sequestrare i cellulari e ad ascoltare le parti offese (la ragazzina assieme ai genitori).
Una storia che è venuta fuori grazie sia ad una docente che avverte il turbamento della minorenne e convoca i familiari, sia agli stessi genitori i quali, a loro volta, notano anch'essi una situazione di turbamento. I genitori riescono a ottenere il racconto dalla ragazzina: "Nulla di particolarmente scabroso - dice Il Mattino - dal momento che la 12enne ha vissuto pochi minuti di effusione con quello che riteneva essere il proprio fidanzato, senza accorgersi che nei suoi confronti si stava consumando una messa in scena di pessimo gusto".
"Mi accorgo che uno degli amici che era con noi quel pomeriggio ci stava filmando con il telefonino cellulare mentre ero in disparte con il mio fidanzato. Me ne sono accorta - racconta agli investigatori la ragazzina - mi sono arrabbiata, ho chiesto di cancellare tutto. Lo ha fatto davanti a me, rimovendo il video anche dal remoto, dal cestino e pensavo che fosse finita lì. Mi sono arrabbiata, ho mandato a quel paese quelli che che ritenevo essere i miei amici e sono andata a casa". I genitori si mettono in azione: risalgono ai responsabili, contattano i loro genitori (e ottengono le loro scuse), e si rivolgono ai carabinieri. Tuttavia, la ragazzina capisce che quel video, prima di essere cancellato, è stato girato dall'autore agli amici. Scrive il giornale: "Quel video l'ha preceduta in classe".
01-12-2019 21:53:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO