DOMENICA 17 OTTOBRE 2021




Il caso

Fincantieri, a Castellammare al via la costruzione della nave della Marina

Operai in attesa del 27 marzo per sapere cosa accadrà dopo

di Redazione
Fincantieri, a Castellammare al via la costruzione della nave della Marina

La tregua è cominciata e durerà fino al 27 marzo. Nel frattempo arriva nello stabilimento di Castellammare il via libera a costruire la nave della Marina Militare che era stata annunciata. Sono cominciati oggi, con la cerimonia di impostazione svoltasi presso lo stabilimento di Fincantieri a Castellammare, i lavori sullo scalo dell'unità anfibia multiruolo (LHD ovvero Landing Helicopter Dock). Lo dice Fincantieri.
La nuova unità sarà consegnata nel 2022 e rientra nel Programma navale per la tutela della capacità marittima della Difesa, deciso dal Governo e dal Parlamento e avviato nel maggio 2015. La LHD - spiega Fincantieri - sarà certificata da RINA Services in accordo con le convenzioni internazionali per la prevenzione dell'inquinamento sia per gli aspetti più tradizionali. Ma a Castellammare sarà costruito solo un troncone, che poi raggiungerà altri stabilimenti per gli allestimenti. Si tratta di 18 mesi di lavoro a cominciare da oggi, un respiro che per i primi reparti all'opera è anche più corto. Per questo gli sguardi restano fissi alla data del 27 marzo, quella in cui da Trieste partiranno gli ordini per le prossime navi da costruire. Solo allora si capirà la prospettiva per Castellammare, visto che tutti gli incontri chiesti dai sindacati per avere certezze ai tavoli di trattativa, sono falliti. Nel frattempo gli operai stabiesi cominciano la nuova avventura. 
L'unità avrà una lunghezza di circa 215 metri, una velocità massima di 25 nodi e sarà dotata di un sistema di propulsione combinato diesel/elettrico e turbine a gas. Dotata di ampie aree di imbarco carico all'interno e di un ponte continuo scoperto idoneo a ricevere veicoli ruotati di vario tipo, containers ed elicotteri, l'unità può assolvere diverse missioni sia di tipo militare che civile. La sua missione principale è nel trasporto di personale, veicoli e carichi di varia natura e nel trasferimento a terra degli stessi in aree portuali tramite i sistemi di bordo e in zone non attrezzate tramite imbarcazioni organiche.
Sarà presente a bordo un ospedale completamente attrezzato, con sale chirurgiche, radiologia e analisi, gabinetto dentistico, e zona degenza per 28 ricoverati gravi. Mentre la nuova nave prende la sua prima forma, gli operai di Castellammare sono ancora in attesa di sapere cosa gli riserva il futuro. 

20-02-2018 18:03:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA