MARTEDÌ 24 MAGGIO 2022




Il caso

Gioielliere uccide rapinatore, il commerciante accusato di omicidio colposo

Luigi Corcione indagato per la morte di uno dei quattro della banda entrati nel suo negozio a Frattamaggiore

di Redazione
Gioielliere uccide rapinatore, il commerciante accusato di omicidio colposo

Era a casa. Poi tutto è precipitato velocemente. Si è accorto del furto nella sua gioielleria, sceso in strada armato ha sparato e ucciso uno dei rapinatori. Oggi la decisione della magistratura. La Procura di Napoli Nord ha iscritto nel registro degli indagati il gioielliere, Luigi Corcione, che la sera di sabato scorso ha ucciso con colpi di pistola uno dei quattro rapinatori che poco prima avevano preso d'assalto il suo negozio a Frattamaggiore.
L'ipotesi di reato che gli inquirenti contestano al gioielliere, si apprende, è l'omicidio colposo per eccesso di legittima difesa.
"Dal punto di vista tecnico - spiega Greco - se si procede con l'esame autoptico è necessario inviare un avviso al gioielliere perché è giusto che possa avere la possibilità di nominare un suo perito. Per inviare un avviso è però necessaria l'iscrizione nel registro degli indagati". 
Intanto è caccia all'uomo nel Napoletano, con posti di blocco e controlli sugli spostamenti di pregiudicati, alla ricerca degli altri due componenti del commando. In tre, con un 'palo' ad attenderli poco distante, sono entrati in azione, scendendo da due scooter, per svaligiare la gioielleria Corcione.
Una strada sabato sera particolarmente affollata, con momenti di panico per le famiglie e soprattutto per i bambini presenti in strada, alcuni dei quali vestiti a festa per Carnevale. E proprio uno dei banditi indossava una maschera di Hulk.
Avrebbe prima preso in ostaggio una commessa e due clienti minorenni che stavano acquistando regalini per San Valentino. Poi lo scontro a fuoco con il titolare. Sembra che il rapinatore abbia esploso colpi di pistola, mentre il titolare della gioielleria ha sparato con una pistola legalmente detenuta colpendo al volto e uccidendo Ottaiano, residente a Caivano, nel Napoletano.
Un complice, identificato poi per Luigi Lauro, 29 anni, di Crispano, è stato bloccato da un ispettore di polizia libero dal servizio di passaggio nella zona. Secondo la ricostruzione della Questura, Lauro avrebbe puntato la pistola al volto del poliziotto che, dopo una colluttazione a terra, sarebbe riuscito a spostare la canna dell'arma e poi ad immobilizzare il rapinatore.


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

12-02-2018 17:27:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA