LUNEDÌ 24 GENNAIO 2022




La storia

Giuseppe da solo non respira e non mangia, appello a De Luca: "A cinque anni serve aiuto, la famiglia non ce la fa più"

La mamma deve ricoverarsi per una gravidanza a rischio, chiesta l'assistenza giorno e notte

di Redazione
Giuseppe da solo non respira e non mangia, appello a De Luca:

Giuseppe non parla, non mangia, non respira neppure. A soli cinque anni Giuseppe ha costante bisogno di aiuto. Ma ora la mamma deve ricoverarsi in ospedale per una gravidanza a rischio e la situazione del piccolo può diventare disperata. Un appello al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca perché intervenga personalmente sul caso del piccolo Giuseppe, vittima due anni fa di un gravissimo incidente stradale, ancora oggi ricoverato all'Ospedale Pediatrico Bambino Gesu' a Fiumicino ed in attesa che gli venga riconosciuta dall'ASl 2 Napoli Nord l'assistenza domiciliare giorno e notte. "Giuseppe ha solo cinque anni ed ha dunque un disperato bisogno di ricevere l'assistenza a casa, con stanze ed attrezzature adeguate e soprattutto con la presenza costante dei suoi cari - spiega Cesaro - soprattutto oggi che la madre, che aspetta un figlio, è ricoverata per gravidanza a rischio al Policlinico di Napoli".
"Nonostante le ripetute e legittime richieste di riconoscimento e attivazione dell'assistenza domiciliare h24 - prosegue Cesaro - nessuna risposta è arrivata ancora oggi dalla sua Asl di appartenenza, l'Asl Napoli 2 Nord". "Per questo mi appello al Presidente De Luca perché intervenga personalmente affinché venga garantito alla famiglia il diritto alle cure del piccolo Giuseppe, il diritto ad una sanità che sia prima di tutto umana, piuttosto che burocratica". 

22-02-2016 16:55:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA