VENERDÌ 13 DICEMBRE 2019
Castellammare

Il consiglio debutta lunedì, il vero test per la maggioranza tra dieci giorni: elezione del Presidente

In campo le candidature di Melisse e Giordano. Ercolano capogruppo per Stabia popolare, Zingone per la sua civica

di redazione
Il consiglio debutta lunedì, il vero test per la maggioranza tra dieci giorni: elezione del Presidente

Il debutto è fissato per lunedì mattina. Il nuovo consiglio comunale avrà i riflettori su di sé il 25 mattina con la cerimonia ufficiale. Ma per il battesimo del fuoco si dovrà attendere dieci giorni. Il ritorno in aula a Palazzo Farnese per votare il presidente del consiglio è, infatti, per mercoledì 5 agosto. Un calendario di lavoro intenso attende l’amministrazione Pannullo in questi giorni di piena estate. L’agenda del sindaco e della sua squadra di governo di date in aula consiliare, a breve distanza, ne prevede tre. Oltre il 25 e il 5, in mezzo c’è l’approvazione di una variazione di bilancio necessaria per permettere al comune di tenere la barra dei conti diritta nella politica di risanamento verso l’uscita dal dissesto. Il vero banco di prova per Pannullo e i suoi fedelissimi sarà il cinque agosto. E’ l’elezione per assegnare la poltrona più ambita di Palazzo Farnese, dopo quella del sindaco, il vero test sulla fedeltà della maggioranza dopo il varo della squadra di governo. Al momento sul tavolo ci sono due candidature, quella di Eduardo Melisse, entrato nel Pd a poche ore dalla presentazione delle liste e quella di Nino Giordano a nome della sua civica, ufficialmente senza assessore in giunta. Ma dieci giorni di trattative sono lunghi e solo quando si comincerà a fare sul serio si capirà chi ha più carte da giocare per arrivare pronto al voto più insidioso. Tradizionalmente l’elezione del Presidente fa paura proprio perché avviene nel segreto dell’urna, su cui si scaricano mal di pancia e antipatie politiche. Non è un mistero che tra gli ex Udc Melisse, Alfano e Cascone, oggi tutti in maggioranza ma sotto bandiere diverse, non corra buon sangue. Tanto per dirne una. Quasi chiuso invece il cerchio dell’elezione dei capigruppo di maggioranza e opposizione. Se Stabia Popolare ha optato per Salvatore Ercolano, risultano scontate le conferme di Nino Giordano e Antonio Alfano, nonostante lo strappo di quest'ultimo con lo sponsor della lista Franco Manniello. Mentre i primi ad eleggere il capogruppo sono stati i consiglieri del Pd che hanno riconfermato Francesco Iovino, come nella precedente esperienza e Progetto Stabia ha puntato sull'esordiente Tina Donnarumma. Dall’opposizione capogruppo per la coalizione “Per Castellammare” è stato scelto Alessandro Zingone. Per i Cinquestelle l'ex candidato a sindaco Enzo Amato. Tutto pronto quindi per inaugurare il calendario dei lavori in aula. Il primo ciack lunedì per l’investitura ufficiale. 

22-07-2016 19:49:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO