MERCOLEDÌ 19 GENNAIO 2022




Champions

Il Napoli sbanda inaspettatamente in Ucraina ed esce sconfitto all'esordio in Europa

Azzurri evanescenti e senza idee messi sotto da un modesto Shakhtar

di Nicola Vanacore
Il Napoli sbanda inaspettatamente in Ucraina ed esce sconfitto all'esordio in Europa

Il Napoli sconfitto dalla Shakhtar non fa meglio di Roma e Juventus e completa un'esordio tutt'altro che positivo in Champions da parte delle italiane.
Certo gli azzurri sulla carta aveva un compito più agevole di Roma (pareggio all'Olimpico contro l'Atletico) e Juventus (sconfitta a Barcellona), e proprio per questo nessuno si aspettava dai partenopei una sconfitta, e i due schiaffi rimediati contro i modesti uscraini dello Shakhtar consegnano alla storia il Napoli più brutto della gestione Sarri.
Un Napoli che esce sconfitto oltre che nel risultato anche nel gioco, e questo aspetto è quello che fa preoccupare, tenuto conto delle prestazioni per nulla brillanti della squadra in campionato, dove vince ma soffre non esprimendo più il calcio spumeggiante cui ci aveva abituati.

Veniamo alla gara di ieri, approccio sbagliato, Hamsik appannato Milik che sembra un corpo estraneo alla squadra e Reina che ci mette del suo, regalano il doppio vantaggio ai padroni di casa dopo un'ora di gioco in cui nessuno degli azzurri per la verità era stato all'altezza della gara.
Allan e Mertens messi in campo con colpevole ritardo, provano a dare una scossa e per poco nell'ultima mezz'ora agli azzurri non riesce la rimonta.

Si è persa una gara e la qualificazione al turno successivo resta aperta, proviamo a non fare di una sconfitta un processo e ripartiamo da quello che conta: il Campionato, giacchè per il Napoli la Champions può essere solo una vetrina, ma per fare questo bisogna che Sarri e la società sciolgano subito dei nodi.
Il primo è ricostruire il rapporto De Laurentiis Reina visto che quest'ultimo difenderà fino alla fine della stagione la rete azzurra e non si può fare un'annata da separati in casa.
Il secondo è la gestione degli uomini a disposizione e qui Sarri dovrebbe fare delle scelte da subito tenuto conto del gioco espresso dalla squadra in questa prima fase della stagione, dove eviterei l'inutile ballottaggio fra Mertens e Milik, così come far riposare Hamsik per riportarlo gradualmente in forma sarebbe cosa buona e giusta, e non farei a meno di Allan vero polmone della squadra a centrocampo.
Sulla difesa problemi di sempre a parte, abbiamo la fascia destra che preoccupa e il solo Hysaj non può reggere l'urto, mentre spenderei qualche riflessione in più sull'utilizzo di Maksimovic.

Ora sguardo a domenica e al primo derby di A con il Benevento (ancora fermo al palo), i tre punti sono d'obbligo.

Il tabellino:

Shakhtar Donetsk: Pyatov, Srna, Rakistsky, Ordets (dal 45' st Khocholava), Ismaily, Stepanenko, Fred, Bernard, Taison, Marlos (dal 30' st Kovalenko), Ferreyra (dal 42' st Dentinho). All. Fonseca
Napoli: Reina, Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam, Zielinski (dal 20' st Allan), Diawaara, Hamsik (dal 15' st Mertens), Callejon, Milik, Insigne. All. Sarri
Arbitro: Zwayer
Ammoniti: Fred Stepanenko, Koulibaly, Mertens e Insigne
Reti: Taison al 16' pt, Ferreyra al 12' st, Milik al 26' st su rigore.

14-09-2017 09:01:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA