LUNEDÌ 17 GENNAIO 2022




L'iniziativa

Il Vesuvio in 60 foto lungo due secoli, la mostra al Mav

Il presidente Vicinanza: 'E' la nostra Silicon Valley'

di Redazione
Il Vesuvio in 60 foto lungo due secoli, la mostra al Mav

Il Vesuvio in due secoli raccontato con 60 fotografie che regalano testimonianze e suggestioni. Da ieri al MAV, Museo Archeologico Virtuale di Ercolano è stata inaugurata la mostra fotografica Il formidabil monte, il Vesuvio nelle fotografie dell’Archivio Alinari. La mostra, a cura di Rita Scartoni e Vittorio Ragone, è prodotta dalla Fondazione Cives/Mav di Ercolano con la Fondazione Alinari per la fotografia e in collaborazione con la web-rivista Foglieviaggi, con il contributo della Regione Campania e il supporto di Scabec. E’ il racconto del Vesuvio, Il formidabil monte, e del suo territorio circostante attraverso gli scatti fotografici d’autore, attinti dal grande giacimento di immagini e di storie che sono oggi l’Archivio Alinari. Un percorso straordinario articolato in due sezioni di ben 58 opere. La prima, Il Vesuvio – tra fotografia del Grand Tour e sperimentazione, esplora per sintesi il panorama culturale di un'epoca, l'elaborazione di modelli iconografici in un periodo di grande interesse e richiesta di fotografie come souvenir di viaggio. La seconda, Eruzioni, racconta l'altra faccia del Vesuvio, quella minacciosa e distruttiva, con gli effetti devastanti della sua collera su cose e persone, attraverso un tipo di fotografia che, sempre più alla portata di tutti, si pone obiettivi di racconto, di documentazione di fatti e di emozioni. Il progetto fa parte di Campania Cultura, il primo ecosistema digitale, realizzato in Italia dalla Regione Campania, con la collaborazione della SCABEC di cui una delle linee d’azione è il programma ARCCA – ARchitettura della Conoscenza CAmpana, con l’obiettivo di riunire in una sola piattaforma digitale tutto il patrimonio culturale regionale. “Il Vesuvio rappresenta per la nostra regione il simbolo di un'area con la concentrazione più alta al mondo di beni archeologici – ha ribadito, nell’introduzione al Catalogo della mostra fotografica, Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania – nell’arco di una decina di chilometri tra Pompei, Ercolano, Stabia, Boscoreale, Torre Annunziata, Portici, un patrimonio inestimabile che racconta la storia del nostro territorio e di un'intera civiltà. E il MAV di Ercolano, in questo contesto, con il suo spazio museale unico e straordinario, che utilizza sapientemente la tecnologia virtuale e digitale, si colloca perfettamente nel piano di digitalizzazione dell'ecosistema della cultura in Campania su cui questa amministrazione è fortemente impegnata - con un investimento di oltre 40 milioni di euro - per garantire la conservazione e fruibilità del nostro immenso patrimonio attraverso strumentazioni digitali d'avanguardia. L’investimento sulla catalogazione e la fruizione multimediale dell’enorme tesoro di beni culturali e ambientali della Campania è stata una scelta assunta con determinazione e slancio con straordinari risultati già raggiunti. Continuiamo così: eventi come questo rappresentano una ulteriore conferma che il percorso è quello giusto.” “Raccontare il Vesuvio è forse il modo migliore per unire memoria e futuro. – ha affermato Luigi Vicinanza, Presidente della Fondazione CIVES/MAV di Ercolano – Il destino di una città, di una comunità si fonda anche sulle suggestioni. Questa mostra me ne fa immaginare una che potrebbe intestarsi il nome di “Vesuvio valley”. La nostra California. Cultura umanistica e innovazione tecnologica fuse insieme per creare nuovi saperi e per trasformare l’area metropolitana in un luogo di ricerca avanzata, con la speranza e l’ambizione di sanare grossi divari. Nonostante gli effetti devastanti provocati dalla pandemia di Covid 19, la produzione culturale partenopea sta attraversando un momento particolarmente felice. Il successo dei film e delle fiction ci fanno sognare Napoliwood. Ma è forse solo l’aspetto più evidente dello stato di grazia di una ri-nascente industria del sapere. La contaminazione tra intelligenza artificiale e intelligenza umana in chiave napoletana è in grado di accompagnarci nella rivoluzione digitale con spiccata originalità. La Regione Campania, grazie al suo presidente Vincenzo De Luca, ha investito nel programma di digitalizzazione dei beni culturali. È un impegno forse unico in Italia. La Fondazione CIVES e il MAV di Ercolano sono dentro questo percorso di costruzione di nuovi linguaggi; il Museo archeologico virtuale è oggi tra le strutture espositive più innovative nel panorama nazionale. Dove la tecnologia ha un volto umano. E dove si sviluppano continue forme di collaborazione con altre istituzioni culturali, in questo caso con la prestigiosa Fondazione Alinari. Il futuro del passato. All’ombra di quel Vesuvio dove tutto ha avuto inizio.”

04-12-2021 10:51:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA