VENERDÌ 03 FEBBRAIO 2023




Ercolano

In trenta fanno irruzione nella stanza del sindaco: rivolta per dei lavori a via Pugliano

Buonajuto: "E servito chiamare le forze dell'ordine per sedare il tumulto"

di Redazione
In trenta fanno irruzione nella stanza del sindaco: rivolta per dei lavori a via Pugliano

Un gruppo di circa trenta persone ha fatto irruzione, senza autorizzazione, nell'ufficio della segreteria del sindaco del Comune di Ercolano, Ciro Buonajuto, chiedendo di parlare immediatamente col primo cittadino, in quel momento assente. Il gruppo ha espresso lamentele circa la presenza del cantiere per lavori stradali ora in stato di abbandono in via Pugliano, nel centro storico cittadino.
''Nonostante gli addetti avessero informato loro della mia assenza in quel momento, queste persone sono entrate in modo violento all'interno del mio ufficio chiedendo di parlarmi immediatamente - spiega il sindaco - Allertati da personale del Comune, sono immediatamente accorsi carabinieri, polizia e vigili urbani che hanno provveduto a sedare il tumulto e ad evitare danni a persone e oggetti presenti nella segreteria del sindaco al momento dell'irruzione''.
Nel ringraziare l'intervento delle forze dell'ordine, il primo cittadino condanna l'episodio: ''Non è attraverso metodi violenti che si influirà sulle scelte di questa Amministrazione e non accetteremo mai nessun confronto con chi si pone in maniera incivile. In una città difficile come la nostra, ritengo necessario ribadire che la legalità va applicata in ogni luogo e in ogni forma. Per questo motivo, a partire da oggi, ho imposto a tutti i dipendenti comunali di contattare immediatamente le forze dell'ordine nel caso in cui persone non autorizzate pretendano di accedere negli uffici del Comune. Può sembrare scontato, ma bisogna capire che questi atteggiamenti, oltreché incivili, sono illegali e chi li tollera commette a sua volta un illecito''. 


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

26-05-2016 20:15:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA