MERCOLEDÌ 29 GIUGNO 2022




Il fatto

Incontro gay fissato su un sito on line diventa una trappola, vittima minacciata con una mannaia

Arrestati due rapinatori a Torre Annunziata

di Redazione
Incontro gay fissato su un sito on line diventa una trappola, vittima minacciata con una mannaia

Doveva essere un incontro hot e invece si è trasformato in una sequenza del terrore. Un giovane ottiene un appuntamento on line con un altro uomo, ma è solo una trappola. Quest'ultimo durante un rapporto sessuale lo minaccia con una mannaia per farsi consegnare soldi.

Oggi gli agenti del Commissariato di P.S. Torre Annunziata, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Torre Annunziata, su richiesta di questa Procura della Repubblica, ha proceduto all'arresto di due persone, entrambe abitanti a Torre Annunziata, in quanto gravemente indiziate del reato di rapina aggravata. 

Dalla ricostruzione dei fatti è emerso che due uomini, utilizzando un sito di incontri "on line", avevano adescato un giovane con il quale avevano concordato un incontro finalizzato alla consumazione di un rapporto sessuale. 

L'appuntamento con uno dei due si era rivelato una trappola, in quanto il complice, nascosto nell'abitazione luogo dell'incontro, si era avventato sulla vittima durante il rapporto sessuale e l'aveva minacciata con una mannaia per farsi consegnare una somma di denaro, che non era stata consegnata dalla persona offesa, alla quale erano stati comunque sottratti il telefono cellulare e le chiavi dell'autovettura. 

Gli autori del reato avevano minacciato ulteriormente la vittima per costringerla a non denunciare la rapina subita, prospettandole di pubblicare sul web il video dell'incontro sessuale qualora avesse denunciato i fatti alla Polizia. 

Ciò nonostante, la vittima era riuscita a scappare e a presentare presso il Commissariato di Polizia. 

Le attività d'indagine poste in essere nell'immediatezza dei fatti dal personale della Polizia di Stato, e quelle successivamente delegate e coordinate dalla Procura della Repubblica, hann consentito di pervenire, con ragionevole certezza, alla identificazione dei presunti autori del reato e a raccogliere, a loro carico, gravi indizi di colpevolezza. 

I due arrestati, dopo le formalità di rito, sono portati in cella Poggioreale. 

 


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

03-05-2022 14:11:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA