MERCOLEDÌ 19 GENNAIO 2022




Prostituzione

La legge Merlin compie oggi 60 anni

Con la sua entrata in vigore il 20 settembre del 1958 furono chiuse le case di tollerenza

di Nicola Vanacore
La legge Merlin compie oggi 60 anni

Sono passati 60 anni esatti dal lontano 20 settembre del '58, giorno in cui entrò in vigore la Legge  n. 75 del 20 febbraio 1958 che poneva fine all'esistenza delle case di tolleranza nel nostro Paese.

Una legge quella n. 75 da sempre è nota come Legge Merlin (dal nome della senatrice Lina Merlin che impiegò ben 10 anni per far si che si approvasse il testo, e che alla fine trovò in Parlamento il voto favorevole di Democrazia Cristiana, Partito Comunista, Partito Socialista e Partito Repubblicano, mentre votarono contro Monarchici, Movimento Sociale, Partito Liberale e Socialdemocrtici).

Le leggende narrano che l'utimo giorno di attività di queste case, 560 quelle autorizzate su tutto il territorio nazionale e in cui erano ospitate poco meno di 3 mila prostitute, fu vissuto fra allegria e tristezza quasi come fosse l'ultimo giorno di scuola prima degli esami di maturità.
Molti film hanno raccontanto di queste vicende, ma le storie dell'epoca parlano di lacrime, abbracci, promesse d'incontri clandestini futuri, champagne e tant'altro che accompagnarono quella giornata storica, e anche di qualcuno che alla fine dell'ultima notte tentò il suicidio per la fine di un'epoca, quella delle case chiuse, che aveva segnato la sua vita.

Quel  20 settembre del 1958 segnò uno spartiacque, ma per l'epoca l'entrata in vigore la legge che determinava la chiusura delle case di tolleranza o case chiuse in Italia, fu considerata unanimamente una legge all'avanguardia per l'autodeterminazione delle donne, visto che le rendeva libere da un sistema di semi schiavitù.

Oggi la legge sembra mostrare delle crepe, segno del tempo e dei cambiamenti, e, probabilmente meriterebbe una rivisitazione anche alla luce degli accadimenti che si sono susseguiti.
Sicuramente qualcosa in quella legge andrebbe rivista, e alcuni dettagli andrebbero modificati, in special modo nella parte che riguarda il reato di favoreggiamento della prostituzione.
Intanto 60 anni dopo, la prostituzione e l'eventuale riapertura delle case di tolleranza fanno ancora parte della discussione politica e non del nostro Paese, visto il dilagare della prostituzione di strada che è sotto gli occhi di tutti.
Un fenomeno che meriterebbe una profonda riflessione e segnali precisi, ma che non può prescindere dal ruolo che oggi occupa la donna nella società.

20-09-2018 08:51:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA