MARTEDÌ 11 DICEMBRE 2018
Il caso

Rottura Cinquestelle, la senatrice di Pompei La Mura a rischio espulsione

Deferita ai probiviri per aver lasciato l'aula al momento del voto di fiducia su decreto sicurezza

di redazione

Inizia a farsi sempre più precaria per la maggioranza la situazione numerica al Senato dopo che 5 senatori del Movimento 5 Stelle hanno abbandonato l'aula al momento del voto di fiducia.
Sui senatori "ribelli" Gregorio De Falco, Paola Nugnes, Elena Fattori, Matteo Mantero e Virginia La Mura è stata già avviata un'istruttoria dai probiviri del Movimento e rischierebbero di fatto il "cartellino rosso".
Assente al momento della votazione anche la senatrice M5S eletta nel collegio pompeiano-stabiese Virginia La Mura, che su Facebook ha spiegato le ragioni della sua scelta: "Anche io sono uscita dall'aula al momento del voto perché ho fiducia nell'azione di questo governo, ma non potevo dare il mio voto al decreto Sicurezza, se mi si vuole costringere a votare un decreto attraverso la fiducia non posso fare altro che uscire dall'aula. Questo decreto non mi appartiene e ritengo vada anche contro i principi del Movimento 5 Stelle stesso". 
Secondo la senatrice del Movimento 5 Stelle "questo decreto che chiamano sicurezza in realtà crea repressione e maggiori rischi sociali. Con l'abrogazione del permesso di soggiorno per motivi umanitari avremo migliaia di nuovi migranti irregolari senza alcuna tutela e senza alcuna possibilità di integrazione, e non essendo possibili i rimpatri, cosa faranno queste persone senza diritti?" Questo l'interrogativo della La Mura."
Da parte sua il capogruppo in Senato del Movimento Stefano Patuanelli, ha dichiarato di aver segnalato ai probiviri il comportamento tenuto in Aula dai  5 senatori dissidenti, che questi ultimi  hanno avviato un'istruttoria nei loro confronti, Patuanelli conclude affermando che "si tratta di un comportamento particolarmente grave visto che si trattava di un voto di fiducia al Governo".
 

07-11-2018 15:38:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO