SABATO 22 GENNAIO 2022




Castellammare

Marchio Campania per il Faito, De Luca: "Pensiamo ad una promozione internazionale"

L'impegno del governatore: "Costiera sorrentina e amalfitana, risolviamo con i fondi europei i problemi di collegamento"

di Christian Apadula
Marchio Campania per il Faito, De Luca:

La Funivia da Castellammare di Stabia al Monte Faito è ripartita dopo quattro anni di stop decretati da una gestione fallimentare, con una perdita di esercizio di 800mila euro, e la mancata manutenzione per garantire la sicurezza dei viaggiatori.
Al taglio del nastro, il presidente della Regione Vincenzo De Luca, il presidente dell'ente gestore, Eav, Umberto De Gregorio, il commissario prefettizio del Comune di Castellammare di Stabia, Claudio Vaccaro, e il sindaco di Vico Equense, Benedetto Migliaccio. Presente anche il consigliere regionale Pasquale Sommese, assessore nella passata amministrazione.
Costa 5,70 euro il viaggio in funivia. La riattivazione dell'antica ''panarella'', come affettuosamente era denominata dai residenti della città, è costata 2 milioni di euro ed effettuerà le sue corse ogni giorno, ogni 25 minuti, dalle ore 9 alle 16,25, per una portata massima di 35 persone per salita, pari a 500 viaggiatori all'ora.
''Salire in funivia ed arrivare quassù ammirando questo panorama è bellissimo - ha detto De Luca - Bisogna incentivare tutti i fattori di successo per il decollo turistico del territorio. La nostra attenzione è alta, sui Beni culturali e paesaggistici. Ora si deve puntare su una promozione internazionale, mediante un Marchio Campania nel mondo, riqualificando l'ambiente, e soprattutto i trasporti''.
A tal proposito, De Luca ha accennato a un progetto di collegamento tra ''le due Costiere, quella Sorrentina e quella Amalfitana''.
''Finora è mancata un'organizzazione del territorio in funzione turistica, integrando le potenzialità che possiede la Campania - ha affermato De Luca - con i fondi europei intendiamo risolvere i problemi di mobilità delle due costiere. Poi bonificare il litorale, rivedere la normativa della gestione dei parchi naturali, garantendone la salvaguardia, ma anche la nascita di luoghi di ristoro che creano lavoro, bar, ristorantini, piccole realtà ricettive che assicurino la manutenzione di questi luoghi destinati altrimenti al degrado''.
Il presidente della Regione ha incontrato gli operai Fincantieri rassicurandoli circa l'impegno di portare nello stabilimento la grande nave del Piano navale nazionale, impegnando nell'attesa il cantiere con piccole opere. Quanto al fallimento delle terme, De Luca ha rinviato il problema all'insediamento della futura amministrazione, pur confermando l'interesse della Regione per tutto il settore del termalismo campano.
Sulle vicende del Pd locale, dove il partito ha problemi interni, ha concluso: ''si fanno un gran male da soli''.

04-05-2016 18:35:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA