SABATO 29 GENNAIO 2022




Verso il voto

Mascolo agli avversari: "Confronto pacato, interessato a discutere solo del bene di Gragnano"

L'avvocato punta sul centro antico e il recupero del degrado urbano

di Redazione
Mascolo agli avversari:

E’ il più giovane dei tre aspiranti alla poltrona di sindaco di Gragnano. Patrizio Mascolo, 36 anni, lo sa e ne fa il punto di forza della sua campagna elettorale appena iniziata. “Io e il mio gruppo siamo coerenti dall’inizio, nel mio gruppo gli amici di sempre,  professionisti, rappresentanti del mondo dell’impresa”. Avvocato penalista, sulla sua pagina Facebook, tra un punto programmatico e l’altro, fa scorrere la sua canzone preferita: “Mano a mano” di Rino Gateano, dando un tocco di personalità al profilo del candidato a sindaco. Come qualità rivendica la coerenza, mentre degli altri in campo “non si può dire altrettanto, hanno generato una situazione confusa”. Il riferimento è a Silvana Somma, segretario del Pd che, con la sua apertura ad un pezzo di berlusconiani, ha creato non poco scompiglio tra i gragnanesi. Ma Mascolo, ex consigliere comunale nella precedente esperienza amministrativa, non fa attacchi diretti. Preferisce un tono pacato e anche nei confronti di Paolo Cimmino, l’ex alleato con cui è consumata la rottura più profonda, sfoggia uno stile britannico. “Spero che in questa campagna elettorale il clima resti sereno, i toni siano propositivi e si parli di programmi”. Mascolo nel suo di programma mira a cose concrete, legate al centro storico della città della pasta e al recupero urbano, “troppo degradato” precisa. Con lui, accanto alle altre liste, anche l’Ala del senatore Pietro Langella: “Se l’energia la prendiamo dai giovani, l’esperienza amministrativa non manca a chi ha deciso di affiancarci”. 

29-04-2016 17:27:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA