SABATO 22 GENNAIO 2022




L'opposizione

Mercato dei fiori da Castellammare a Scafati, Cimmino: "Faremo le barricate per impedirlo"

Il centrodestra contro il progetto della Regione: "Spartizioni di potere per favorire Salerno"

di Redazione
Mercato dei fiori da Castellammare a Scafati, Cimmino:

Una fuga da Castellammare. Un pezzo di imprenditori del mercato dei fiori pronto a fare le valigie per spostarsi a Scafati. Un consorzio sta progettando il trasloco in un’area su cui esiste un progetto della Regione voluto dal governatore De Luca. Sul piano ancora alla ricerca di finanziamenti insorge l’opposizione. Non c’è ancora nulla di ufficiale ma il leader del centrodestra Gaetano Cimmino chiede a Pannullo di intervenire: “Imprenditori pronti a investire per portare a Scafati il nostro mercato? L’amministrazione comunale dorme o fa finta di dormire? Non possiamo permetterlo, sarebbe l’ennesima sconfitta per Castellammare di Stabia: ci batteremo con le unghie e con i denti per i nostri floricoltori”. Fermamente contrario sulla questione dell’ipotesi di spostare il mercato florovivaistico, oggi tra Castellammare e Pompei, verso Scafati. “Stando a quanto riportato oggi dalla stampa – ha continuato Cimmino – ci sarebbero decine di imprenditori pronti ad investire una volta delocalizzato il mercato. Un mercato di rilevanza europea che, pur ricadendo sul territorio di Pompei, è animato per la stragrande maggioranza da maestranze e professionalità stabiesi. Ora mi chiedo, cara amministrazione di centrosinistra, caro sindaco Antonio Pannullo, vogliamo davvero perdere anche questo pezzo di città a favore di Salerno? Si tratta di risorse nostrane che con ogni probabilità non interessano a chi occupa in questo momento gli scranni della maggioranza a Palazzo Farnese. L’amministrazione come al solito è molto più attenta alle spartizioni di potere che non al commercio, alle eccellenze, a tutto ciò che rende Castellammare una città ‘viva’. L’amministrazione sta lasciando morire un altro pezzo di Stabia. Questi imprenditori vanno incontrati subito, bisogna battersi per capire quali sono le loro esigenze e portare quei capitali qui in città. È necessario capire quali sono i fattori che li spingerebbero ad investire lontano da Castellammare ed impedire questo ennesimo scempio. I fiori nascono sul territorio stabiese per mano di coltivatori che ci invidiano in tutto il mondo, ma a causa della palese incapacità dell’amministrazione comunale la città rischia ancora una volta di essere depauperata da risorse e punti nevralgici fondamentali.

 

La proposta che avanziamo non è quella di delocalizzare il mercato florovivaistico, bensì di riqualificarlo se necessario, ammodernando collegamenti viari e migliorando i servizi. In questo senso esiste un’area del rione ‘Ponte Persica’, anch’essa al confine tra Castellammare e Pompei, che fu individuata per la creazione del nuovo mercato ortofrutticolo. Bene: proponiamo agli imprenditori e ai soggetti di settore di creare un unico polo mercatale. Quello che è certo è che ci batteremo fino alla fine, non perderemo il nostro mercato dei fiori, faremo la nostra parte, anche se l’amministrazione comunale pare avere il prosciutto sugli occhi o guarda da un’altra parte, mentre il governatore Vincenzo De Luca cerca di accaparrarsi l’importantissimo mercato portandolo nella sua amata Salerno. Siamo quasi certi di essere di fronte all’ennesima cambiale elettorale che l’amministrazione sta per pagare”.

04-09-2016 12:10:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA