MARTEDÌ 19 NOVEMBRE 2019
L'iniziativa

Miniolimpiadi a Casola, raccolta differenziata: alunni in gara per conquistare il podio dei vincitori

Il sindaco Peccerillo: "Siamo già un comune virtuoso, ma vogliamo migliorare ancora investendo sui più piccoli"

di redazione
Miniolimpiadi a Casola, raccolta differenziata: alunni in gara per conquistare il podio dei vincitori

Vincitori saranno gli alunni che riusciranno ad accaparrarsi il titolo di ricicloni. Arrivano le Miniolimpiadi di raccolta differenziata a Casola. Nella giornata di oggi l’Amministrazione comunale ha presentato agli alunni dell’Istituto Comprensivo “Raffaele Iozzino” il progetto che vedrà coinvolti gli studenti per tutto il 2017. Si tratta di una gara tra classi per sensibilizzare e incentivare gli studenti sulla raccolta differenziata, illustrando loro come deve essere effettuata e i benefici per l’intero territorio nell’attuare la differenziazione dei rifiuti. Rappresentanti della Proteg, l’azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti e del recupero di oli e grassi animali e di vegetali esausti hanno raccontato agli  alunni, che hanno mostrato tanta curiosità, le varie fasi del recupero e della trasformazione del rifiuto. La percentuale di raccolta differenziata nel comune di Casola di Napoli registrata nel dicembre del 2015 è stata del 69,37%, per arrivare alla cifra record dell’85% dell’agosto scorso. Per tutto il 2016 si è registrata una percentuale media del 75%. “I numeri fotografano un risultato straordinario, ma possiamo e dobbiamo fare ancora meglio – evidenzia il sindaco Domenico Peccerillo – il successo è il frutto dell’impegno del comune e dell’intera cittadinanza”. Sulla stessa lunghezza d’onda il vicesindaco e assessore con delega ad Ecologia ed Ambiente, Giuseppe Somma, che rimarca come “l’obiettivo sia ora quello di non abbassare la guardia e attestarsi su una media annua che possa rientrare in una forbice tra il 75 e l’80%”. “Le miniolimpiadi rappresentano una gara divertente tra le classi su chi imparerà meglio a differenziare i rifiuti. Ma la vera sfida che ci poniamo è un‘altra – sottolinea Somma – quella di cambiare il nostro stile di vita per cambiare il nostro rapporto con l’ambiente: questo è il nostro obiettivo. E per raggiungerlo è fondamentale partire dal mondo della scuola, ambiente elettivo di promozione culturale, potente veicolo di messaggi e luogo destinato, per propria natura, alla creazione della ‘futura’ generazione”. “Il progetto – conclude – sensibilizzerà ed educherà gli studenti sui temi della riduzione dei rifiuti e della raccolta differenziata”.

14-12-2016 16:19:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO