MERCOLEDÌ 25 MAGGIO 2022




Il fatto

Miracolo lampo di San Gennaro, il vescovo Battaglia: 'Troppe madri piangono i loro figli'

Nell'omelia il riferimento a Giovanni ucciso a Torre del Greco

di Redazione
Miracolo lampo di San Gennaro, il vescovo Battaglia: 'Troppe madri piangono i loro figli'

Niente attesa per il miracolo di San Gennaro. Sangue sciolto immediatamente davanti a migliaia di fedeli.

Ma dall'altare arriva il monito di Monsignore  Battaglia: "Troppe volte in questo tempo ancora breve vissuto a Napoli ho dovuto accarezzare i volti di giovani madri piagato dal dolore inaudito per la perdita di un figlio ucciso senza colpa, magari nell'ambito di una discussione tra ragazzi".

Il riferimento durante l'omelia ha è a Giovanni Guarino, il giovane di Torre del Greco ucciso da due quindicenni. 
 "Penso a Giovanni e a tutti i giovani, uomini, fratelli che ho dovuto accompagnare al commiato da questa terra", ha aggiunto monsignore Battaglia ad una folla di fedeli. 
Dopo due anni di stop forzato causa Covid torna a Napoli la processione di San Gennaro, ed a Napoli migliaia di persone partecipano all'evento. Le reliquie del patrono hanno lasciato la cattedrale di Napoli per essere portate in processione nella basilica di Santa Chiara, un rito antico di secoli che però era stato sostituito da una funzione 'al chiuso' sia nel 2019, causa maltempo, sia nei due anni successivi per la pandemia. Oggi dopo il via libera c'è una folla di fedeli, curiosi e turisti ad attendere il passaggio del busto e delle ampolle contenenti il sangue del patrono di Napoli e della Campania. Sangue che è stato trovato già liquefatto all'apertura della cassaforte dove sono conservate le reliquie, evento non frequente ma comunque verificatosi già altre volte in passato. Molti in strada portano la mascherina. Ad indossarla anche l'arcivescovo, Domenico Battaglia, i vescovi ausiliari ed i canonici della cattedrale che insieme ai membri della Deputazione 'scorteranno il busto e le ampolle con il sangue di San Gennaro dalla cattedrale a Santa Chiara. Quella di oggi è la prima processione per il sindaco Gaetano Manfredi, eletto l'autunno scorso: il primo cittadino di Napoli custodisce una delle due chiavi della cassaforte, che si trova nella Cappella del Tesoro, dove sono conservate le ampolle. La processione di oggi si snoda lungo le strade del centro storico di Napoli. In tanti hanno voluto addobbare i balconi con drappi o semplicemente esponendo delle coperte. L'avvio della processione è stato preceduto da un breve momento di preghiera guidato dallo stesso arcivescovo. Il corteo viene accompagnato dalla Fanfara dei Carabinieri. 


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

30-04-2022 20:00:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA