GIOVEDÌ 02 APRILE 2020
Tragedia

Muore a ventuno anni a Lettere, giovane operaio schiacciato da una lastra

Luigi Chierchia era al lavoro a Sant'Antonio Abate, la Procura apre un'inchiesta

di Redazione
Muore a ventuno anni a Lettere, giovane operaio schiacciato da una lastra

Il suo sorriso spento per sempre. É morto mentre era al lavoro a soli 21 anni. Tragedia a Lettere dove un 21enne, Luigi Chierchia, è morto schiacciato da una piastra di marmo. Il giovane stava lavorando in un'azienda a Sant'Antonio Abate che si occupa della lavorazione di marmi quando un cavo si è staccato ed è stato colpito dalla lastra alla testa. Inutile la corsa disperata all'ospedale San Leonardo di Castellammare: per lui non c'era più nulla da fare. E' deceduto qualche minuto dopo l'arrivo all'ospedale stabiese nel pomeriggio di ieri. La Procura di Torre Annunziata ha aperto un'inchiesta per accertare le responsabilità di una morte, la seconda in Campania ieri, che allunga la lista delle vittime del lavoro a poche ore dal primo maggio che quest'anno i sindacati hanno dedicato proprio al tema della sicurezza.

03-05-2018 09:39:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA