MERCOLEDÌ 03 GIUGNO 2020
Calcio

Napoli: tregua di Natale, e De Laurentiis parla di grande bellezza

Sorrisi e ammiccamenti durante la cena di Natale. Il peggio è passato

di Antonio De Felice
Napoli: tregua di Natale, e De Laurentiis parla di grande bellezza



Chiamiamola "tregua" di Natale piuttosto che cena di Natale, quella che è andata in scena ieri sera in casa Napoli, dove complice la solita location mozzafiato con vista sul Golfo, presidente e allenatore hanno provato a tranquillizzare una squadra allo sbando, e solo lontana parente di quella che lo scorso anno era giunta seconda in campionato.
Poche significative parole quelle di Gattuso che dopo aver precisato che non è a Napoli per soldi, ma perché crede nella società e nei calciatori, ha aggiunto: "So che non è un bel periodo, ma dobbiamo uscirne a testa alta. Siamo fortissimi", poi con discrezione ha chiesto l'aiuto anche alle famiglie degli azzurri: "i risultati si ottengono tutti insieme, anche con l’aiuto di mogli e fidanzate, madri: sosteneteci ma con discrezione”.
Insomma un volemose bene tutti insieme appassionatamente, quello di Ringhio, almeno nelle intenzioni e fino alla fine della stagione. Poi si vedrà.
Dal canto suo Il presidente De Laurentiis pur senza mai toccare il discorso "multe" si è lasciato andare con una frase sibillina che in molti hanno letto come apertura: “Volate alto, volate sopra tante cose per far tornare a volare la squadra, aggiungendo: "Ci voleva una sferzata. State sereni perché il peggio è passato", che da molti è stato letto come un de profundis alla gestione Ancelotti, la peggiore della sua era presidenziale.
Poi il patron ha provaro a dare l'investituta ufficiale a Rino Gattuso: "mi ha subito impressionato per la sua forza e la sua umanità" queste le parole di ADL sul nuovo tecnico, "è  l'unico che ci può traghettare verso una grande bellezza".
Il presidente ha concluso il suo discorso a squadra staff tecnico e addetti ai lavori con la frase ad effetto di rito:"a tutti voi dico: siate sereni perché il peggio è passato. Il sole sorge sulle vostre vite. Viva il Napoli e viva l’azzurro”.
Funzionerà la tregua? Avrà don Aurelio fatto breccia nel cuore di qualche azzurro che sta dando meno del pevisto?
Lo sapremo domenica quando gli azzurri scenderanno in campo al Mapei Stadium di Reggio Emilia contro il Sassuolo di De Zerbi.


 

18-12-2019 10:33:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA