DOMENICA 05 FEBBRAIO 2023




marketing online

OKR, Obiettivi e risultati chiave: come fissare gli obiettivi reali e realizzabili in un'azienda

Objectives and Key Results, scopriamo gli strumenti per fissarli e raggiungerli

di Luca Olivetti
OKR, Obiettivi e risultati chiave: come fissare gli obiettivi reali e realizzabili in un'azienda

OKR: di cosa si tratta?
Oggigiorno, il successo di una realtà aziendale o di un'attività locale di qualsivoglia genere passa essenzialmente dal raggiungimento degli obiettivi prefissati. Tale nobile scopo, quando viene soddisfatto, riesce a regalare importanti soddisfazioni in coloro che sono a capo dell'azienda, nonché importanti entrate economiche che riequilibrano gli investimenti spesi per l'attuazione di particolari strategie di marketing. In questo, gli OKR risultano essere degli strumenti fondamentali: di cosa si tratta e perché sono così importanti?
Esaminiamo la risposta a ciascun quesito in questo breve ma dettagliato articolo!

OKR: cosa sono e come si compongono
OKR non è altro che l'acronimo di Objectives and Key Results (letteralmente Obiettivi e Risultati Chiave), strumenti che consentono di fissare e di definire precisi obiettivi che aiutano il team di lavoro a monitorare l'avanzamento verso il soddisfacimento di tali obiettivi.
Chiaramente, è nell'interesse dell'azienda stessa stabilire sul nascere degli obiettivi realizzabili e realistici, onde evitare di definire senza mai vedere dei ritorni a livello economico.
Il principio base che si cela dietro agli OKR è il raggiungimento di un determinato obiettivo misurato dal risultato chiave: nello specifico, l'obiettivo è un fine, come ad esempio l'aumento della fetta di mercato di riferimento o l'incremento della brand awareness, mentre il risultato chiave è un parametro di giudizio in base al quale si misurerà l'avanzamento verso quell'obiettivo.
In che modo è possibile definire dei buoni OKR?

Come stabilire gli OKR corretti
Innanzitutto, dei buoni OKR dovrebbero essere verificabili e misurabili: secondo alcuni studi statistici, pare che circa il 25% dei dipendenti abbia un quadro generale chiaro su quelli che sono gli obiettivi dell'azienda per la quale lavorano.
Nella maggior parte dei casi, il personale di lavoro accetta gli obiettivi aziendali all'inizio dell'anno senza mai più venire aggiornato sull'avanzamento verso di essi.
Ecco l'importanza della condivisione degli OKR: collegare ogni membro del personale agli obiettivi dell'azienda permette di focalizzare l'attenzione sugli sforzi che tutto lo staff dovrebbe fare per raggiungerli.
Inoltre, non esiste un vero e proprio numero stabilito di OKR da definire, ma sarebbe buono non fissarne più di una decina; dopodiché, è opportuno scegliere quanti obiettivi sforzarsi di raggiungere nell'anno solare o in un trimestre.
Ad esempio, se l'obiettivo di una pizzeria è quello di aumentare la clientela grazie alla preparazione di una pizza deliziosa, il risultato chiave sarà una media di recensioni che si assesti tra il 4.5 e il 5 su 5: se lo staff ne è consapevole, la produttività aumenterà perché tutti remeranno in una sola direzione verso il raggiungimento dell'obiettivo prefissato.
Infine, è sempre una soluzione ottima quella di fissare degli obiettivi ambiziosi al di là di quelli più realizzabili: questo aumenterà sicuramente gli sforzi profusi dallo staff poiché esso sarà consapevole di dover dare il 110% per arrivarci.
Insomma, gli OKR sono un ottimo metodo per consolidare la propria attività aziendale sul mercato: fissare degli obiettivi realistici con i relativi risultati chiave ben stabiliti consentirà di avere successo e di spiccare letteralmente il volo in un mercato ormai colmo di opportunità.


Per ricevere le notizie direttamente su WhatsApp, memorizza il numero 327 982 50 60 e invia il messaggio "START" per procedere

19-01-2023 13:10:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA