DOMENICA 17 NOVEMBRE 2019
L'operazione

Palazzine abusive e appartamenti fuorilegge tra Castellammare e Gragnano: quindici denunciati

Sigilli ad un edificio di tre piani, scoperta anche costruzione fantasma a Sant'Antonio Abate

di redazione
Palazzine abusive e appartamenti fuorilegge tra Castellammare e Gragnano: quindici denunciati

Una palazzina di tre piani a Gragnano, venuta su accanto ad un albergo. Un altro edificio fantasma a Sant’Antonio Abate e ampliamenti di appartamenti a Castellammare tra il centro antico e la periferia nord. Non si ferma il mattone selvaggio in una triangolo già tartassato dall’abusivismo edilizio e con migliaia di case su cui pende la scure degli abbattimenti. Sono quindici le persone denunciate dai carabinieri in un maxi blitz che ha abbracciato più città. A incassare il maggior numero di denunce è Castellammare con undici casi scoperti nel cuore del centro antico e a via Napoli, zona in cui sono già tante le costruzioni abusive. Si tratta, per lo più, di nuove tettoie realizzate senza permessi e ampliamenti di volumetria ad abitazioni già esistenti. Il caso più eclatante riguarda, però, Gragnano con un edificio di tre livelli completamento sconosciuto a Catasto e comune. Sequestrata la palazzina di 400 metri quadri al confine tra Gragnano e Pimonte. Denunciato il proprietario, quarantenne, che lì viveva da tempo con la sua famiglia e forse a questo punto pensava di averla fatta franca. Al contrario scattati i sigilli, ora la sua casa seguirà l’iter previsto fino alla sentenza di abbattimento, essendo fuori termine per qualsiasi condono o sanatoria. Non si fermano, quindi, i furbetti che continuano a costruire nonostante la stretta sui controlli e la scure degli abbattimenti. 

23-04-2017 13:44:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO