SABATO 27 FEBBRAIO 2021




conferenza stampa

Pasta di Gragnano e nuovi progetti: riqualifica del territorio attraverso la Maccheroneria Sociale del Consorzio IGP

Presentati il nuovo direttore Maurizio Cortese e Alfonso Iaccarino, chef 3*** e testimonial dell'oro giallo gragnanese nel Mondo

di Annalaura Gaudino
Pasta di Gragnano e nuovi progetti: riqualifica del territorio attraverso la Maccheroneria Sociale del Consorzio IGP

Presentato oggi all’Hotel Medusa di Castellammare un piano ambizioso di implementazione dello sviluppo e della valorizzazione del patrimonio enogastronomico di Gragnano.

Il Presidente del consorzio pasta di Gragnano IGP, Giuseppe di Martino ha aperto la conferenza con l’ufficializzazione della nomina del nuovo direttore del consorzio Maurizio Cortese, illustrando così insieme le nuove linee strategiche di promozione e valorizzazione del comparto.

La riqualifica del territorio passa attraverso la valorizzazione delle peculiarità gastronomiche locali ma elemento essenziale perché la zona di Gragnano torni ad essere attrattiva di turismo enogastronomico è ovviamente la comunicazione. A tal fine è stato nominato “Testimonial” del Consorzio lo chef pluristellato Alfonso Iaccarino, del noto ristorante Don Alfonso 1890 di Sant’Agata sui due golfi: “per essere stato il primo e più grande ambasciatore della pasta di Gragnano e per averla fatta conoscere al mondo attraverso la sua cucina”.

Fulcro dell’incontro è stata la presentazione del progetto per la creazione di una vera Maccheroneria sociale del Consorzio della Pasta di Gragnano IGP, un progetto come sottolineato dal Presidente di Martino finanziato dal Consorzio e sostenuto attraverso la firma di un protocollo di intesa con il centro di cultura e storia di Gragnano e dei Monti Lattari, "Alfonso Mario Di Nola", e con le associazioni culturali e sociali della città di Gragnano.

Il progetto, illustrato dall’architetto Silvia Napoli, ha lo scopo di riqualificare il centro cittadino creando un fulcro di interesse turistico verso la Maccheroneria.

Partendo dal ripristino dell’antica stazione ferroviaria per trasferire turisti e, perché no, merci da Castellammare a Gragnano, attirati dalla possibilità di assaggiare tutte le tipologie di pasta di ogni pastificio del territorio in un luogo verde e confortevole in cui poter trascorrere del tempo. Obiettivo superiore il coinvolgimento a rotazione di chef stellati internazionali che, ospitati nella Maccheroneria,  possano contaminare con le loro esperienze gli studenti dell’alberghiero e che possano poi portare con sé il nome della famosa ed antica pasta di Gragnano nel mondo.

Nel progetto è previsto inoltre la presenza di un mercato ortofrutticolo notturno in cui poter vendere esclusivamente prodotti a Km0.

Il progetto applaudito dalla maggioranza non è però scampato agli attacchi di un singolo pastificio che non ha evidentemente capito l’importanza dell’essere uniti né gli sforzi di dar vita ad un progetto per la rinascita di tutti.

Ha moderato Alfonso Di Leva, Direttore Ansa Napoli.

16-04-2016 16:31:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA