DOMENICA 23 GENNAIO 2022




Ercolano

Peschereccio Rosinella, dopo un mese la Marina Militare recupera un corpo vicino al relitto

Il comandante Giulio Oliviero era scomparso in mare il 19 aprile

di Redazione
Peschereccio Rosinella, dopo un mese la Marina Militare recupera un corpo vicino al relitto

E’ passato giusto un mese. Trenta giorni di attesa da quando il comandante di Ercolano e il suo equipaggio sono stati inghiottiti dal mare. La Marina Militare ha recuperato un corpo all'esterno del relitto del peschereccio Rosinella, scomparso la notte tra il 19 e 20 aprile dopo esser partito dal porto di Formia con a bordo il comandante Giulio Oliviero, di Ercolano, e due marinai tunisini. Il relitto del motopesca era stato individuato tre giorni dopo ad una profondità di 60 metri tra il litorale di Gaeta e il Garigliano.
La cadavere, non ancora identificato, è stato recuperato da un robot subacqueo imbarcato sul cacciamine Gaeta della Marina Militare, che ha avuto dalla procura di Cassino l'incarico di recuperare gli eventuali dispersi. La salma è poi stata imbarcata su una motovedetta della Guardia Costiera e trasferita a Gaeta. Il cacciamine della Marina è rimasto invece in zona per proseguire le ricerche.

18-05-2016 18:43:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA